Posted On 4 settembre 2017 By In Negoziazione With 120 Views

Regione Lombardia-pagamenti più veloci

Lombardia_The_Procurement

Buone  notizie per i fornitori che orbitano intorno all’amministrazione regionale lombarda. Secondo quanto emerge dallo studio annuale della Ragioneria Generale dello Stato, “migliorano i tempi di pagamento di Regione Lombardia verso i fornitori: nel 2° trimestre del 2017, per la gestione complessiva dei pagamenti, media della gestione sanitaria accentrata e della gestione ordinaria, sono passati a 13 giorni di anticipo rispetto alla scadenza, rispetto agli 11 giorni dello stesso periodo del 2016 e ai 12 giorni del primo trimestre del 2017″.

Questi i dati pubblicati in una Nota dal sito www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.it

“Per il pagamento della gestione sanitaria accentrata, relativa alle spese per la sanita’, nel secondo trimestre 2017 Regione Lombardia ha pagato le fatture con un anticipo di 17 giorni, con un miglioramento rispetto ai 16 giorni del primo trimestre – dice ancora la Nota – Si riducono anche i tempi di pagamento dei fornitori della gestione ordinaria, con un anticipo di piu’ di 11 giorni rispetto al termine previsto per la scadenza, rispetto ai 9 giorni del secondo trimestre 2016 e ai circa 11 giorni del primo trimestre 2017. A titolo comparativo – conclude il testo – il D.lgs. 192/2012 stabilisce che i pagamenti delle fatture devono essere effettuati entro 30 giorni dal ricevimento ad eccezione dei pagamenti in sanita’ previsti entro 60 giorni”.

La velocità dei pagamenti appare pratica diffusa tra gli enti pubblici lombardi. Secondo i dati divulgati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, relativi al 2016 e aggiornati a giugno 2017, dei 500 enti pubblici virtuosi, sui 22mila registrati, 128 si contano in Lombardia.

Tra questi, l’Azienda Regionale Emergenza Urgenza AREU di Milano,  l’ASST Niguarda, l’IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico e la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Dei Tumori. Numerosi sono anche i Comuni virtuosi, tra i quali si distinguono quelli di Rosate (21° posto) e di Settala (27° posto).

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento