Posted On 23 novembre 2016 By In Acquisti in team, Finance With 505 Views

Acquisti in chiave collaborativa: la soluzione TESISQUARE SCM

Riportiamo di seguito un estratto dell’articolo pubblicato sul magazine “The Procurement” (Anno 2 Numero 2) dove si illustra la soluzione TESISQUARE SCM.

TESISQUARE permette la digitalizzazione e la razionalizzazione dei processi di acquisto in chiave collaborativa.

Che la collaborazione costituisca una leva importante per migliorare visibilità e governo della Supply Chain è ormai assodato. L’adozione di soluzioni di Supply Chain che prevedano dunque un elevato approccio “collaborativo” con il proprio network può essere un’ottima strategia per creare un vantaggio competitivo aziendale, in quanto permette di rispondere agilmente alle pressioni indotte dalla diffusione di nuovi modelli di business digitale. Tre, in particolare, sono i benefici di una Supply Chain collaborativa; elenchiamoli qui in sintesi.

#1 Condividere tempestivamente tutte le informazioni relative allo stato di avanzamento dell’ordine: dall’emissione al ricevimento.

Le piattaforme collaborative integrano e gestiscono tutti quegli elementi che consentono di tenere allineati i “flussi informativi” con i connessi “flussi merci”, garantendo che in ogni punto della catena vi sia un unico dato consistente in quanto aggiornato in modo appropriato e tempestivo. La sincronizzazione e l’aggiornamento in tempo reale dei dati è possibile attraverso l’automazione dei processi ed evita inefficienze e costi determinati, per esempio, dall’incertezza dei tempi di consegna, dalla mancata ottimizzazione dei tempi di attraversamento o dalla perdita di tempo per risolvere incomprensioni con i propri partner.

# 2 Semplificare lo scambio di informazioni tra i diversi reparti interni (acquisti, logistica e amministrazione) e con i partner (fornitori e trasportatori).

I dati raccolti dalle piattaforme collaborative, attraverso i diversi canali di comunicazione, sono integrati in un unico modello dati aggiornato in tempo reale e condiviso; ciò consente di eliminare il passaggio di informazioni destrutturate e gli errori causati dall’imputazione manuale dei dati nei vari sistemi. Inoltre, la presenza di workflow consente di tracciare tutte le versioni dei documenti scambiati, di gestire i flussi approvativi e gli invii proattivi di solleciti e notifiche.

# 3 Disporre delle informazioni rilevanti per effettuare valutazioni oggettive delle performance dei fornitori.

Prendere decisioni informate, monitorare la qualità di una fornitura e gestire eventuali rischi risulta più semplice se si dispone della visibilità “end-to-end” del processo, ottenuta attraverso l’implementazione di piattaforme collaborative che permettano di accedere velocemente a dati di sintesi (dashboard) e indici di performance sempre aggiornati e univoci.

Per ricevere la rivista The Procurement >> scopri qui l’offerta per abbonarsi