Posted On 25 Novembre 2020 By In Innovazione With 254 Views

Come diventare “tecnologicamente avanzati”

Le aziende nel 2020 hanno compreso che dovranno, se già non lo sono, diventare tecnologiche. Questo perché la tecnologia è diventata una capacità da maneggiare sapientemente e i leader di tech hanno sviluppato un nuovo approccio che produce valore e si autofinanzia al tempo stesso, il cosiddetto “tech-forward”.  Le trasformazioni tecnologiche in un’organizzazione, tuttavia, sono complesse e di lunga esecuzione, basti pensare che circa il 50% delle aziende, secondo McKinsey&Company, dichiara di essere ancora nella fase pilota.

In un recente articolo pubblicato, l’azienda di analisi ha cercato di evidenziare le best e worst practice per incentivare una trasformazione tecnologica, intervistando circa 600 CIO di grandi realtà mondiali. Il risultato è stato una lista di errori più comuni e possibili antidoti per evitarli.

  • Attività frammentaria

Non mancano le iniziative di trasformazione tecnologica, tutte con buone intenzioni e promettenti profitti. Ma troppo spesso le aziende si concentrano su una serie di iniziative senza tenere conto delle dipendenze cruciali che devono essere messe in atto per consentire il cambiamento.  L’altro lato della medaglia è che le attività in un’area possono avere conseguenze indesiderate in un’altra, spesso rompendo o disabilitando i sistemi tangenziali.

  • Nessun collegamento al valore aziendale

Sono tante le tecnologie che vengono lanciate sul mercato ma non tutte garantiscono una collaborazione con il business, andando a impattare sul valore aziendale. Solo le migliori organizzazioni sanno come muoversi, basando ogni iniziativa su un risultato esplicito che tenga conto dei costi e ricavi e che conti su metriche che mostrino i progressi.

  • Costi troppo alti

Non ricevere subito il ROI può essere deludente dopo un grande investimento in tecnologia. Ma al contrario se si implementano strategie di procurement agili, si ripulisce il portfolio e si suddividono i ruoli ingenieristici e non ingenieristici con equilibrio, il successo non si farà attendere.

Cosa si intende con trasformazione tecnologica avanzata?

Dal dialogo con i circa 600 CIO, McKinsey&Company ha estratto intuizioni, best practice e linee guida che sono state poi sintetizzate in un modello “tech forward” con tre vettori interconnessi, per un totale di 10 domini di attività.  Questo modello tecnologico si è dimostrato molto utile nell’aiutare le organizzazioni a comprendere la portata del cambiamento necessario e pensare attraverso le interdipendenze tra vettori e domini.

Vettore n°1

Un ruolo reinventato per la tecnologia incentrata sul business

  • Una reimmaginazione del ruolo della tecnologia attraverso modelli di business guidati dalla tecnologia
  • Un modello operativo incentrato sul prodotto e sulla piattaforma con un’allocazione dei fondi strategica radicata
  • Funzioni tecnologiche che diventano custodi dei viaggi degli utenti digitali, data la loro prospettiva unica attraverso funzioni come marketing, vendite e operazioni.

Nelle organizzazioni che hanno davvero reinventato il ruolo della tecnologia, anche il ruolo del CIO è spesso elevato. Questo ruolo reinventato per la tecnologia si sviluppa nel tempo man mano che gli altri due vettori iniziano a fornire valore e la credibilità della funzione tecnologica cresce.

 

Vettore n° 2

Un modello di consegna della tecnologia costruito per flessibilità e velocità

Le funzioni tecnologiche moderne impostano i loro modelli di consegna per stare al passo con le esigenze in rapida evoluzione di clienti e dipendenti.

  • I team tecnologici stabiliscono le priorità e svolgono le attività che hanno il maggior potenziale per aiutare le loro aziende a realizzare guadagni di prestazioni ricercati.
  • I servizi di infrastruttura di nuova generazione basati sul cloud accelerano la distribuzione e stabilizzano l’ambiente tecnologico automatizzando i processi di sviluppo, test e distribuzione.
  • Per migliorare la qualità e l’efficienza del proprio lavoro, le funzioni tecnologiche moderne assumono ingegneri altamente qualificati per fornire internamente l’ingegneria mission-critical.

Vettore n° 3

Sistemi tecnologici di base che supportano innovazione, collaborazione e sicurezza

  • Tali sistemi moderni sono organizzati secondo un’architettura flessibile composta da applicazioni autonome connesse con interfacce di programmazione di applicazioni (API) facili da configurare.
  • Un nucleo tecnologico moderno include sistemi di dati e analisi che forniscono ai team tecnologici di tutta l’azienda le informazioni di alta qualità e gli strumenti potenti di cui hanno bisogno per ottenere informazioni dettagliate sulle preferenze di clienti e dipendenti.
  • Consente inoltre ai team tecnici di integrare la sicurezza e le protezioni della privacy mentre sviluppano le soluzioni, invece di aggiungerle una volta completato lo sviluppo delle soluzioni.

Cosa chiedersi se si vuole una trasformazione digitale di successo?

Una corretta trasformazione richiede obiettivi chiari e un’analisi completa di quelle che sono le capacità attuali e future da raggiungere. Utile al fine di comprendere se si sta percorrendo la strada giusta, nell’articolo è contenuta anche una road map con le domande da porsi mentre si procede verso la trasformazione tecnologica.

  • Quali sono le tue aspettative dalla tecnologia?
  • Quali sono i risultati strategici più critici?
  • Quali sono i punti dolenti più urgenti e cosa li causa?
  • Quale, se ce ne sono, delle dieci giocate dell’approccio tech-forward sono in atto, e qual è la loro maturità?
  • Trasformare la tecnologia della tua azienda è una delle due priorità principali nella tua C-suite? Se no, perché no?
  • In che misura la funzione tecnologica supporta gli obiettivi strategici o le ambizioni digitali della tua azienda?
  • Quali sforzi di trasformazione tecnologica ha intrapreso finora la tua azienda? Che effetto hanno avuto? Cosa è andato bene e cosa no?
  • Quali fattori potrebbero limitare il ritmo dei tuoi sforzi di trasformazione tecnologica? In particolare, quanto capitale e altre risorse può dedicare l’azienda alla trasformazione tecnologica?

Secondo molti CIO, l’urgenza di muoversi e trasformarsi non è mai stata così alta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.