Posted On 26 ottobre 2016 By In Innovazione With 536 Views

Digital & Procurement: investimenti e criticità

Soluzioni digitali. Investimenti in Cloud Computing, tecnologia mobile e social media. Insomma, il mondo del Procurement sta abbracciando -seppur in maniera graduale- l’innovazione tecnologica.

Il quinto rapporto annuale di Deloitte “Global CPO Survey 2016” ha interessato un vasto campione di oltre 320 responsabili acquisti in 33 Paesi (in prevalenza manager europei, 179 e del Nord America, 93), realizzando un’indagine senza precedenti sul sentiment dei CPO – Chief Procurement Officer – circa le questioni fondamentali della funzione acquisti.

Tra gli aspetti più interessanti emersi, la tendenza dei CPO a investire significativamente nel digitale, puntando ad aumentare l’efficienza dei processi d’acquisto.

Le priorità dei CPO sono la riduzione dei costi (76%), lo sviluppo di nuovi prodotti e mercati (46%), l’aumento del cash flow (45%) e l’espansione organica aziendale (43%); e i supporti digitali sembrano essere riconosciuti come strumenti fondamentali per implementare le strategie del procurement.

survey-infographic

Credit Image: The Deloitte Global CPO Survey 2016

Rispetto l’anno precedente infatti, la percentuale dell’impiego di portali self-service è passata dal 43% al 70%, con una crescita anche negli investimenti in Cloud Computing (45%), in tecnologie mobile (42%) e nei social media (16%).

L’interesse per la tecnologia a supporto dei processi d’acquisto, che si traduce in vantaggi nella gestione dei rapporti con i fornitori e nei processi di requisition-to-pay, fa però a pugni con l’analisi di altri dati importanti emersi dall’indagine, come la mancanza di piani strategici. Nella maggior parte dei settori Procurement infatti non esiste una vera e propria strategia digital – assente nel 60% dei casi – come si sente la mancanza di competenze e capacità nel proprio team di supportare e implementare strategie di procurement. A segnalare tali carenze, il 62% dei Responsabili Acquisti intervistati.

«Il rischio e il gap sulle competenze sono chiaramente una preoccupazione per i CPO. La debolezza delle metriche economiche globali e l’incertezza geopolitica sono due dei principali temi con cui i Responsabili degli Acquisti dovranno presto confrontarsi»

James Gregson, EMEA Head of Sourcing and Procurement in Deloitte

digital-procurement

Credit Image: The Deloitte Global CPO Survey 2016

Per approfondimenti e per scaricare il rapporto >> cliccare qui

Fonte: www2.deloitte.com