Posted On 17 Giugno 2020 By In Innovazione With 154 Views

Innovazione nel business, fattore necessario per rinascere

persona con lampadina che simboleggia l'innovazione che nasce dalla necessità

Nonostante la crisi e la lenta ripresa, si notano già segni di nascita di imprese creative. Le aziende, a quanto pare, rispondono alla crisi con soluzioni innovative scaturite dalla necessità.

Ora è il momento di ripensare come interagire con clienti e dipendenti, come costruire catene di fornitura più resilienti e riesaminare gli atteggiamenti nei confronti della privacy e della condivisione dei dati. Questa capacità di prevedere nuovi modi di operare sarà cruciale per superare la crisi. Secondo il report di McKinsey quelli che avranno successo in questo momento daranno il tono alla prossima normalità e definiranno la generazione successiva di paradigmi per il comportamento del consumatore e dell’azienda.

 

In primis per capire come comportarsi da qui in avanti e per sperare di avere successo, secondo McKinsey sono queste le domande che i business dovrebbero porsi:

  • Come cambieranno le esigenze dei clienti mentre ci dirigiamo verso una “nuova normalità” post-crisi? 
  • Come creare interazioni umane con i clienti che non incontrerai mai? 
  • Come riparare i dispositivi che non puoi toccare o tenere in mano?
  • Come trovare il tuo prossimo collaboratore che si trova nel mondo ed è in un settore diverso? 
  • Come creare la resilienza nella catena di approvvigionamento, senza accumulare più capitale?
  • Come far uscire prodotti digitali in giorni o settimane, come i tuoi concorrenti stanno cercando di fare?

 

Quello che sappiamo è che non si può tornare indietro e l’obiettivo ora è definire il prossimo normale. McKinsey ha identificato 6 archetipi per coloro che vorranno costruire nuovi business dopo la crisi:

 

Il fornitore di servizi remoti. In molti paesi, le consultazioni mediche online e l’educazione online sono diventate la norma. Avvocati, architetti eD esperti di marketing stanno tutti cominciando a fornire i loro servizi in modi nuovi, che vanno dalla videoconferenza di base alla realtà virtuale e all’automazione. 

La piattaforma di collaborazione. I clienti e le aziende apprezzano la possibilità di  interazione tra persone separate dalla geografia ma collegate dalla tecnologia. Emergeranno piattaforme di collaborazione che vadano oltre la comunicazione e l’educazione verso aree come lo sviluppo e le valutazioni dei talenti o che siano adattate ad altre professioni come avvocati, commercialisti e ingegneri.

 Il talent deployer dinamico. Dopo la crisi, i recruiter svilupperanno nuovi modi per sfruttare il pool globale di talenti, utilizzando la tecnologia in nuovi modi per procurarsi specialisti in tutto il mondo, accelerare il processo di candidatura e regolare gli squilibri del lavoro.

Il rivenditore digitale high-touch. Le nuove categorie di vendita al dettaglio che tradizionalmente richiedono un’esperienza high-touch, a causa della base clienti o della stessa categoria, migreranno online. I miglioramenti della tecnologia e l’uso dell’intelligenza artificiale (AI) e dell’analisi per fornire informazioni sempre più precise sui clienti guideranno questa tendenza.

Il visionario dei dati. Con un minor numero di persone che lavorano sul posto, le aziende stanno esaminando più da vicino i dati che generano che in precedenza erano ritenuti di valore limitato. Stanno trovando il modo attraverso l’analisi e l’automazione di utilizzare quei dati per funzioni come il monitoraggio dei macchinari, un’attività precedentemente gestita da lavoratori in loco che ora può avvenire in remoto. Inoltre, stanno emergendo provider che possono combinare i dati di più aziende per fornire approfondimenti a livello di settore.

 L’operatore resiliente, flessibile ma non ridondante. Emergendo dalla crisi, vedremo un gruppo di organizzazioni che si differenziano attraverso catene di approvvigionamento e operazioni resilienti. L’intelligenza artificiale sta svolgendo un ruolo importante nel consentire ciò. Inoltre, queste organizzazioni sono flessibili con una base di costo variabile e pronte a rispondere ai cambiamenti dinamici in un mondo sempre più instabile. Gli strumenti digitali stanno anche aiutando le aziende a identificare nuove fonti di resilienza, ad esempio raggruppando digitalmente potenziali fornitori in base alle capacità che hanno in comune.

Business building nella nuova normalità

Costruire i processi e le comunicazioni per supportare team agili e dispersi richiede attenzione e disciplina. In un recente articolo, McKinsey ha descritto le lezioni apprese dalla Cina su come lavorare in remoto. Gli autori citano otto aree su cui concentrarsi: la struttura, le persone, la cultura, il controllo dei processi, l’efficienza della comunicazione, l’abilitazione della tecnologia e la sicurezza informatica. Molte di queste aree sono un terreno di gioco facile per molte imprese che useranno strumenti basati su cloud per comunicare, creare contenuti e condividere contenuti.

Lavorare in remoto può comunque comportare diverse sfide ma esistono delle pratiche da seguire:

  • Evitare che il lavoro a distanza escluda un vivace dibattito. Incoraggia il dissenso nei tuoi team di business building e crea forum specifici per farlo (ad esempio, mantenendo una finestra di chat aperta per pensieri e domande durante le videoconferenze).
  • Mantenere l’orientamento esterno. Trova il modo di “star dietro” ai clienti facendo condivisioni dello schermo per osservare il modo in cui lavorano o usando video mirati non al volto del cliente ma ai suoi comportamenti e attività.
  • Mantenere in atto la struttura del processo. I team remoti dovrebbero essere altrettanto rigorosi nella gestione dei processi (se non di più) dei team di persona. Utilizzare canali di comunicazione per gruppi numerosi per promuovere la trasparenza attraverso i flussi di lavoro offerti dalle cerimonie tradizionali.
  • Dai la priorità alla cultura. Una cultura sana consente la creatività e promuove la fiducia necessaria per sfidare le idee e riconoscere errori. 

 

 I dipendenti non si accontentano più della vita d’ufficio tradizionale una volta che hanno visto che possono lavorare ovunque e in qualsiasi momento. Le migliori aziende continueranno a cercare i migliori talenti, indipendentemente da dove si trovano.

I rivenditori continueranno a trovare modi per umanizzare l’esperienza digitale. Imparare da innovatori e imprenditori è fondamentale, non solo per il recupero da questa crisi ma anche per la reinvenzione.  Le organizzazioni che si adattano agli archetipi che emergono da questa crisi e continuano a ribaltare le ipotesi alla ricerca di nuove opportunità emergeranno da questa crisi con la massima capacità di ripresa e con la più grande opportunità di definire un futuro reinventato.

La tua azienda è pronta per la sfida?

 

Lascia un commento