Posted On 6 Giugno 2022 By In Innovazione With 240 Views

La modernizzazione può rendere le catene di approvvigionamento più efficienti

Nonostante i vantaggi offerti dai moderni sistemi IT di pianificazione della catena di approvvigionamento, la maggioranza delle imprese utilizza ancora metodi manuali o obsoleti. I leader della catena di approvvigionamento sanno che i metodi attuali devono cambiare e stanno prendendo provvedimenti in questa direzione.

In un sondaggio Mckinsey condotto sui di dirigenti della supply chain, il 23% degli intervistati ha già implementato una nuova soluzione, e il 90% ha affermato di aspettarsi di rivedere la pianificazione dell’IT entro i prossimi cinque anni. Quattro su cinque prevedono o già utilizzano l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico nella pianificazione, un fattore chiave per le implementazioni IT della catena di approvvigionamento.

Secondo gli intervistati, il 60% delle implementazioni IT per la pianificazione della supply chain richiede più tempo o denaro del previsto o non raggiunge i risultati aziendali previsti.

 

Principali ostacoli

Dei dirigenti intervistati, il 45% ha affermato che il più grande ostacolo al lancio di un progetto era la mancanza di consenso sui requisiti tecnici e di processo di un nuovo sistema. Un altro 35% ha affermato che l’impatto di un nuovo sistema di pianificazione non ha soddisfatto le aspettative e il 28% ha affermato di aver lottato per creare un business case convincente per giustificare il passaggio a un nuovo sistema.

Quando la pianificazione delle implementazioni IT non riesce, secondo gli intervistati, il 60% delle volte il fallimento è dovuto a uno dei tre seguenti motivi: le pianificazioni non vengono completate in tempo, superano il budget o non forniscono i risultati attesi. I fallimenti sono indicatori che i processi sono progettati male, che mancano le capacità necessarie o che il cambiamento non è stato gestito adeguatamente.

 

Tre soluzioni da seguire

Le aziende possono migliorare i risultati degli sforzi di aggiornamento incorporando tre elementi critici nel processo di adozione di nuovi sistemi IT di pianificazione della catena di approvvigionamento:

 

  1. Progettazione del processo lungimirante:

A tal fine, devono comprendere i propri obiettivi e creare descrizioni dettagliate delle attività di pianificazione che il nuovo sistema coprirà.

L’integrazione di una struttura IT della catena di approvvigionamento può risolvere gli squilibri tra domanda e offerta a breve termine fornendo informazioni lungimiranti su potenziali stockout.

 

  1. Selezione dei fornitori ben definita:

Il processo di selezione del fornitore si compone di tre parti:

  • Un elenco di requisiti aziendali.
  • Criteri di valutazione chiari. I fornitori che soddisfano i requisiti aziendali di base possono essere valutati rispetto ad aspetti più dettagliati della progettazione del processo, ad esempio per come funzionalità o strumenti specifici corrispondono alle esigenze dell’azienda.
  • Due o tre casi d’uso “indispensabili”. Il team della catena di approvvigionamento, durante una presentazione di vendita, può chiedere ai potenziali fornitori di dimostrare come i loro sistemi gestirebbero i casi d’uso prioritari per vedere le prestazioni.

 

  1. Road map di implementazione multifase:

Tale road map dà la priorità al test e all’implementazione di funzionalità indispensabili. Garantisce che il lavoro sull’implementazione possa essere svolto a un ritmo agile, con cicli ripetuti di progettazione. Include tutti i componenti di gestione del cambiamento necessari per coinvolgere i pianificatori della catena di approvvigionamento e altri utenti di un nuovo sistema nell’implementazione per rendere la transizione il più agevole possibile.

Per massimizzare il considerevole investimento rappresentato da un aggiornamento, le aziende devono rafforzare questi elementi con il cambiamento organizzativo appropriato, gli aggiornamenti dei processi aziendali e il miglioramento delle competenze.

 

Considerazioni aggiuntive

Affinché una trasformazione abbia successo, secondo Mckinsey, le aziende devono anche fare quanto segue:

  • Mantenere il cliente al centro del cambiamento e stabilire obiettivi chiari all’inizio della trasformazione;
  • Costruire capacità interne: la formazione del personale sui nuovi modi di lavorare richiesti da un nuovo sistema rende il passaggio del fornitore più facile e veloce e lascia l’organizzazione meno dipendente dall’aiuto esterno a lungo termine;
  • Usare l’apprendimento di persona e online e creare corsi di formazione sui percorsi degli utenti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.