Posted On 13 Marzo 2019 By In Innovazione With 54 Views

Supply chain finance, i sette trend per il 2019

Finance-euro

Trend e opportunità delle soluzioni alternative per ottimizzare il capitale circolante

Procurement e finance, in molti casi, non hanno mai avuto molti rapporti l’uno con l’altro. Sempre più spesso, però, a chi si occupa di acquisti vengono assegnati obiettivi di capitale circolante, affinché siano maggiormente allineati con i target della tesoreria e dell’azienda in generale. Jennifer Pinney, direttrice dell’azienda di consulenza sul capitale circolante Rel, ha dichiarato in un articolo per il blog di Procurement Leaders che, essendo sempre più coinvolti nell’ottimizzazione del capitale circolante, «oggi per i Cpo è la normalità allungare il più possibile i tempi di pagamento».

Anche se, tradizionalmente, il procurement si preoccupa di acquistare a un prezzo conveniente, mentre il finance di avere la sicurezza delle entrate e delle uscite di liquidità, la valutazione, l’acquisizione e il lancio di soluzioni di supply chain finance è un progetto che funziona meglio quando finance e procurement lavorano a stretto contatto. Il finance è in grado di capire come funziona il prodotto di Scf, mentre il procurement conosce i fornitori e può aiutare a identificare quelli più o meno adatti a partecipare a una soluzione di questo tipo.

Dale S. Rogers, ON Semiconductor professor of business della Arizona State University, descrive nel suo libro Supply Chain Financing: Funding the Supply Chain and the Organization un quadro dove le supply chain si sono ristrette e i termini di pagamento si sono estesi, due tendenze che hanno influito negativamente sulla posizione finanziaria dei fornitori. Questo, a sua volta, ha spinto le aziende a cercare modi più creativi per finanziare la propria base fornitori, aggiunge su Supply Chain Management Review Bridget McCrea. «Credo che Procter&Gamble sia stata tra i primi a passare ai pagamenti entro 120 giorni», ha dichiarato Rogers a Scmr, «una cosa mai sentita sei o sette anni fa, mentre ora l’intero settore dei beni di consumo ha allungato i propri tempi di pagamento».

Secondo i risultati della ricerca 2018 dell’Osservatorio Supply Chain Finance della School of Management del Politecnico di Milano, in Italia si attendono in media 98 giorni per l’incasso dei crediti commerciali e 124 giorni per il pagamento dei debiti ai fornitori.

In questo contesto può essere di aiuto adottare quegli strumenti di finanziamento alternativi che rientrano sotto il nome di supply chain finance. Dalle banche alle fintech, si sono moltiplicate aziende e startup che supportano il fabbisogno di liquidità, aiutando sia il compratore che il fornitore. «Il supply chain finance è una fonte di capitale molto importante, che ormai va oltre al semplice produci-acquista-consegna», ha affermato Rogers. «Si tratta di finanziare e liberare capitale per l’azienda».

Le soluzioni più tradizionali sono l’anticipo fattura, cioè il finanziamento delle fatture non ancora riscosse, e il factoring, la cessione di crediti commerciali vantati da un’azienda verso i debitori. In Italia sono ancora le più diffuse, secondo gli Osservatori del Politecnico. Ma si stanno diffondendo sempre di più soluzioni legate allo sviluppo Fintech, come Invoice Auction, Purchase Order Finance, Dynamic Discounting e Equipment Finance, e a tecnologie innovative come Internet of Things, Big Data e Blockchain.

Bridget McCrea ha individuato sette trend per il 2019 nell’ambito del supply chain finance:

  1. Le aziende useranno le proprie supply chain per avere un controllo più stretto sul capitale circolante;
  2. Un gruppo più ampio di provider offrirà una più ampia varietà di opzioni finanziarie;
  3. La definizione di “transazione finanziabile” sarà sempre più ampia;
  4. I supply chain manager diventeranno supereroi della finanza;
  5. Blockchain avrà sempre più slancio nel supply chain finance;
  6. IoT, machine learning e intelligenza artificiale faciliteranno le relazioni di supply chain finance;
  7. Continuerà la richiesta di finanziamenti alla supply chain.

Lascia un commento