Posted On 26 luglio 2018 By In Company news, Interviste With 288 Views

SynerTrade, verso la Fatturazione Elettronica B2B

Riportiamo di seguito l’intervista ad Andrea Cozzi, Head of Sales & Marketing di SynerTrade, pubblicata sul magazine “The Procurement – Qualifica Fornitori” (Anno 4 Numero 2) nella sezione Interviste.

 

Andrea CozziUn’azienda che sta vivendo una grande crescita, composta da un team di persone dinamiche, preparate e proattive, caratteristiche che si ritrovano immediatamente in Andrea Cozzi, intervistato da The Procurement sul tema Fatturazione Elettronica B2B. Attraverso un percorso professionale ricco di esperienze in settori diversi, prima di diventare Head of Sales & Marketing di SynerTrade, Cozzi ha ricoperto diversi ruoli. Partendo da una solida esperienza nella consulenza in Capgemini, si è poi occupato di Business Development strategico in Wolters Kluwer Italia, dove è cresciuto fino ad avere la responsabilità del team di Product Marketing della parte Software. In IFABER l’ingresso nel mondo del Procurement come Account Leader nel mercato pubblica amministrazione.

Nel 2017 l’incontro con Sergio Perego, Country Manager di SynerTrade Italy, e il suo ingresso nella società, come Direttore Vendite, prendendo poi in pochi mesi anche la responsabilità delle attività di marketing. Un percorso professionale dinamico, come il suo approccio coinvolgente anche su argomenti più tecnici, contingenti ai processi evolutivi aziendali. È il caso della fatturazione elettronica B2B, argomento da lui introdotto nel corso del primo SynerLab, organizzato di recente presso la sede milanese di SynerTrade, in via Copernico.

Ed è proprio dal comprendere meglio la natura di SynerLab che iniziamo la nostra intervista con Andrea Cozzi, prima di addentrarci insieme a lui nelle sfaccettature della fatturazione elettronica tra privati, in vigore dal prossimo gennaio 2019. Fucina di idee, SynerLab è prima di tutto un network di persone legate alla piattaforma Accelerate pensato per dare la possibilità ai suoi clienti di incontrarsi, virtualmente e de visu, per fare networking, condividere impressioni e approcci sulle tematiche di maggior interesse, che valicano anche i confini degli acquisti. Una base di condivisione che diventerà presto anche una piattaforma online, e che ricalca bene le tre parole chiave di SynerTrade per il 2018: condivisione, persone, innovazione.

E a proposito di innovazione, SynerTrade nel 2018 ha scelto la partnership con l’Osservatorio del Politecnico di Milano sulla Fatturazione Elettronica & e-Commerce B2B per essere attore attivo nel percorso che porterà alla FE B2B. Proprio facendo seguito ad una richiesta diretta di alcuni clienti – che hanno compreso e sposato perfettamente l’approccio di co-partecipazione promosso da SynerTrade – è nato il primo incontro SynerLab sul tema Fatturazione Elettronica. “Abbiamo messo a fattor comune con i nostri clienti i risultati di questa partnership presentando una sintesi dei dati raccolti durante i workshop, fornendo una panoramica sugli obblighi di legge, identificando i benefici di una gestione digitalizzata e automatizzata delle fatture in piattaforma”.

“Abbiamo subito avuto conferma della necessità di confronto dalla presenza al SynerLab non solo di Responsabili degli Acquisti, ma anche del Finance, dai quali sono emerse molte domande, alcune già condivise all’interno dell’Osservatorio, altre che verranno portate da noi sul tavolo dei lavori. Ad esempio è risultata necessaria una maggior chiarezza rispetto alle modalità di flusso verso lo SDI nel caso di società estere o alle conseguenze per fatture con destinatari errati oppure mancanti del codice destinatario, solo per citare due casi”, spiega Cozzi.

Da un punto di vista tecnico, come avete supportato l’iter procedurale della fatturazione elettronica nella vostra piattaforma di e-procurement?
Per quanto ci riguarda lavoriamo basandoci sulle caratteristiche della nostra piattaforma, ma anche contando su competenze esterne, integrandoci con partner certificati e accreditati dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

La normativa prevede che le fatture siano trasmesse dal fornitore allo SDI e da questo al cliente in un formato XML definito. Tuttavia, non tutte le aziende
hanno sistemi in grado di generare questo tipo di formato, e qui entrano in gioco i nostri partner esterni in grado di offrire questo servizio ai clienti che usano la nostra piattaforma. Vi potrà essere dunque un servizio di gestione dei processi di fatturazione elettronica in outsourcing grazie al quale l’azienda otterrà in ricezione/trasmissione la trasformazione della fattura generica in XML e viceversa, ottemperando all’obbligo di legge di invio allo SDI. Sarà inoltre possibile usufruire dello stesso intermediario per utilizzare il servizio di Conservazione digitale nonché di Firma Digitale.

Perché gestire la Fe su piattaforma e-procurement e non nell’Erp?
Oggi la fattura si scambia via mail, fax, PEC, e in tanti altri modi, anche sfruttando processi automatizzati, ma la sua gestione in piattaforma offre benefici tecnici e di fruizione del tutto peculiari. Tra questi ci sono sicuramente la semplicità d’uso grazie ad un’interfaccia utente in linea con gli strumenti web di uso quotidiano, l’accessibilità online alle parti coinvolte in forma collaborativa, la possibilità di ottimizzare i costi e l’efficienza operativa.

Inoltre, la gestione della FE su piattaforma consente di semplificare al massimo le laboriose operazioni di verifica della fattura stessa, grazie alla riconciliazione automatica dei dati con quelli presenti nell’ordine e nel ricevimento della merce (il cosiddetto 3-way matching). La gestione in piattaforma peraltro rende possibile la validazione e il controllo dei processi in atto anche in mobilità da remoto e garantisce un flusso integrato end-to-end, grazie al quale è possibile mettere in relazione dati di fatturazione non solo nel downstream, ma anche nell’upstream, ripercorrendo a ritroso il processo d’acquisto.

La digitalizzazione e l’automazione del processo di fatturazione gestito su piattaforma pone CPO e CFO in sinergia. In che modo?
Questo è un bellissimo tema. Sono due figure che vivono la gestione e il controllo dei costi e dei saving con due punti di vista differenti, ma che possono divenire complementari. In questo quadro, la fatturazione elettronica diventa un tavolo di lavoro comune per CFO e CPO, diventando un’occasione per ottenere benefici condivisi all’interno dell’azienda. La piattaforma costituisce un luogo di incontro tra i due, secondo un percorso che parte dalla gestione del fabbisogno e della richiesta, attraverso la selezione dei fornitori e la negoziazione, fina alla gestione dell’ordine e della fatturazione. Questa vista completa sul processo permette di aumentare l’efficienza operativa, migliorare in controllo e visibilità sui costi, ridurre il rischio operativo, potenziando al contempo la collaborazione interna ed esterna all’azienda. La gestione su piattaforma consente quindi a CFO e CPO un’occasione concreta dwi collaborazione e sinergia, garantendo a entrambi risultati non solo operativi, ma anche strategici.

Synertrade si pone come attore attivo nel processo di adeguamento alla normativa, ma a suo parere, in un panorama tanto diversificato, come quello italiano, composto prevalentemente da realtà medio-piccole, per gennaio 2019 che scenario si prospetta?
In generale, quando questo tipo di normative entra in vigore, si pone quasi sempre un tema di compliance e di adeguamento che a prima vista può sembrare lontano dalla situazione esistente. Questo è successo anche rispetto alla fatturazione elettronica verso la PA. Certamente vi sono alcuni punti ostici e altri che necessitano di chiarimento, ma a conti fatti l’adeguamento alla legge andrà a generare anche un vantaggio per l’intero sistema l’azienda.

Le difficoltà ci sono perché il nostro contesto è fatto di molte aziende medio-piccole, alcune ancora poco informatizzate. A mio avviso, la verasfida sarà la capacità di cogliere l’opportunità data dall’adeguamento alla norma, per fare un lavoro di ottimizzazione, revisione e innovazione. Insomma deve diventare un’occasione, un passaggio virtuoso, verso una vera e completa digitalizzazione dei processi B2B.

Quali saranno i prossimi incontri della community Synerlab?
A livello internazionale ci stiamo preparando all’evento che ogni anno accoglie i CPO delle diverse country. Mi riferisco al nostro Digital Procurement Summit che si terrà il 21 giugno, a Parigi, e per il quale stiamo già raccogliendo adesioni e speaker.

Quest’anno, oltre a clienti provenienti da Europa e Stati Uniti, avremo ilpiacere di condividere anche i punti di vista di esperti di The Hackett Group, Forrester e Boston Consulting Group che interverranno sul palco per fornire dati e trend di mercato. Sarà una grande occasione di networking per i nostri clienti e per chi vorrà cogliere esperienze sui temi di procurement. Per quanto riguarda la nostra community italiana, per i prossimi appuntamenti di SynerLab, sono state proposte alcune tematiche attuali molto sentite come il GDPR, il procurement predittivo, il tema delle Blockchain. Come abbiamo fatto per il primo incontro sulla Fatturazione Elettronica, raccoglieremo le richieste dei partecipanti al network per fissare il prossimo appuntamento in agenda.

 

SYNERLAB HEGAGON CMJN

Lascia un commento