Posted On 17 Settembre 2018 By In Archivio Magazine With 113 Views

Procurement 4.0

magazine-4-2018

Big Data, Robotica, Intelligenza artificiale, Internet of Thing

The Procurement Magazine anno 4 n.4 Settembre – Ottobre 2018

L’editoriale

Benvenuti nell’era 4.0

di Micol Barba

Seduta sul sedile posteriore, mio padre alla guida, il sole rovente, la brezza dalla fessura del finestrino, la cassetta di Umberto Tozzi che canta della mitica Freccia del Sud, il treno direttissimo che univa Palermo a Milano, inaugurato negli anni delle grandi migrazioni, dal Meridione verso il Nord Italia.

È questo il mio ricordo del ponte Morandi. Un colosso altissimo e imponente, costruito sopra le case dei ferrovieri. Attraversarlo segnava l’inizio delle mie vacanze estive, una felicità carica di aspettative alternate a lievi vertigini a ogni sobbalzo cadenzato dell’auto, in corrispondenza dei giunti del ponte.

Oggi, mentre le notizie su modalità e tempistiche di ricostruzione si affastellano giorno dopo giorno e in attesa di riconoscere i responsabili di una tragedia che ha fatto 43 vittime, il crollo del Morandi, come ha scritto qualcuno, sembra «una crudele rivincita della materialità delle cose sulla vacuità di molte parole e sulla potenza delle tecnologie».

Guardando quel gigante spezzato, questa sbandierata quarta rivoluzione industriale sembra tanto volatile quanto più necessaria. Come afferma Ivan Ortenzi, Chief innovation evangelist di Bip, nell’intervista che troverete in questo numero, in Italia «è il momento di scegliere cosa fare nei prossimi 30 anni ed è una scelta complicata» e punta l’attenzione sull’impellenza di infrastrutture adeguate, perché il loro sviluppo è direttamente proporzionale a quello dell’innovazione.

Considerazioni giuste che però non corrispondono a piani organici e lungimiranti ma solo a proclami senza adeguate coperture economiche.

I nostri ponti, costruiti tra gli anni ’50 e ’60, danno preoccupanti segni di inadeguatezza, e la Freccia del Sud è stata definitivamente smantellata qualche anno fa: in fondo, perché mantenerla visto che non ha sostenuto uno sviluppo omogeneo del paese e il flusso migratorio non va più solo da sud a nord, dirigendosi piuttosto oltre confine?

Eppure le tecnologie ci sono e questa evoluzione 4.0 pare abbia le risposte a molti dei nostri problemi, se applicata. Blockchain, droni, ecosistemi condivisi, nuovi modelli di business, dovrebbero essere i tanti tasselli capaci di restituirci l’immagine rinnovata di questo malconcio Stivale.

La strada è lunga e disseminata di buche e ponti pericolanti.

Scrivi a m.barba@theprocurement.it  per collaborare o suggerire nuovi argomenti.

Sfoglia la preview del magazine:

Procurement 4.0. Big Data, robotica, intelligenza artificiale, internet of things. 

Consulta l’archivio completo… >>

Se sei abbonato effettua il log in e scarica il magazine in formato digitale.


Read More