Posted On 21 marzo 2018 By In News With 181 Views

Piano strategico 2018-2022 di A2A, investimenti per 2,8 miliardi

Il 20 marzo il CdA del Gruppo A2A ha approvato il piano strategico “TEC” per il 2018-2022. Il piano prevede un utile di 480 milioni di euro per la fine del quinquennio e investimenti pari a 2,8 miliardi di euro, oltre a un aumento dividendi, che saliranno a 6,7 centesimi nel 2018, a 7,5 nel 2019, per poi aumentare di almeno il 5% all’anno per il resto del piano. Gli obiettivi sono suddivisi in tre categorie: Trasformazione, Eccellenza e Comunità.

Per quanto riguarda il primo punto, è prevista la progressiva decarbonizzazione della generazione, con particolare attenzione al fotovoltaico, pur senza escludere altre fonti di energia, con l’obiettivo di allineare il mix di generazione alle linee guida Ue e ai trend di mercato. Il piano prevede anche un miglioramento nella gestione dei rifiuti, considerati sempre più come un bene e non come uno scarto: è prevista la realizzazione di nuovi impianti: due per il trattamento delle plastiche, quattro per i rifiuti organici e la produzione di biometano, due per il trattamento delle ceneri “End of waste”, un nuovo impianto per la produzione di Combustibile Solido Secondario. Inoltre, ha commentato in un video Luca Valerio Camerano, Amministratore delegato del Gruppo A2A, è previsto «un allargamento dei servizi e dei prodotti per il mercato, e investimenti nel settore della green economy».

Per quanto riguarda l’eccellenza, il piano prevede il 20% degli investimenti in digitalizzazione e innovazione tecnologica. «Quasi mezzo miliardo di euro destinato solo a questo, per rendere l’azienda più agile e moderna», ha dichiarato Camerano.

L’aspetto della comunità, invece, prevede sviluppo e formazione interni ad A2A, così come l’attenzione alla comunità esterna: startup, università, centri di ricerca.

Inoltre, è stato approvato il Piano di Sostenibilità 2018-2022, i cui quattro pilastri (economia circolare, decarbonizzazione, smartness nelle reti e nei servizi, e people innovation) sono stati integrati direttamente nel Piano Strategico.

 

Lascia un commento