Posted On 22 Dicembre 2017 By In Sostenibilità With 1175 Views

Green economy e best practices per la crescita italiana

La graduale transazione verso un sistema di economia circolare è un processo che nel nostro Paese sta avvenendo in maniera solida e relativamente rapida, ma di fatto accanto ai dati in crescita per riciclo e riduzione del consumo di risorse manca ancora la capacità di mettere a sistema le best practices condivise. Per questo motivo 8 grandi aziende italiane hanno deciso di unirsi un una sorta di alleanza pro “Circular economy. Il nuovo progetto promosso da Enel e Intesa Sanpaolo è stato lanciato pochi giorni fa presso la sede di Confindustria, alla presenza del Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, e della parlamentare europea Simona Bonafè. Le due società assieme a Novamont, Costa Crociere, Gruppo Salvatore Ferragamo, Bulgari, Fater ed Eataly, hanno firmato il Manifesto per l’Economia Circolare, documento con cui si impegnano a rafforzare le strategia circolari promuovendo innovazione, competitività e prestazioni ambientali a tutto tondo.

Nella pratica questo significherà individuare e diffondere le best practices italiane sulla circolarità e implementare all’interno delle rispettive aziende criteri e approcci sempre più improntati alla circolarità. Saranno inoltre definiti metodi di misurazione e di target da utilizzare internamente e verso i fornitori e la filiera a valle, con la possibilità di sviluppare in futuro progetti comuni e di rafforzare l’aspetto circolare anche nel loro rapporto con start-up e centri di ricerca. Durante l’evento è stato poi presentato il Documento di Posizionamento Strategico Nazionale del Ministero dell’Ambiente e di quello Sviluppo Economico messo recentemente in consultazione pubblica. Uno degli elementi più interessanti in questo contesto, citato anche nel Documento e in grado di aiutare il lavoro delle aziende italiane, è l’approccio EoW-End of Waste (“cessazione della qualifica di rifiuti”) per alcuni prodotti giunti a fine vita.

Untitled design (48)

Il dicastero ambientale ha già redatto il decreto End Of Waste sul fresato d’asfalto e quello sulla gomma derivante da pneumatici fuori uso oggi in attesa dell’approvazione della Commissione Europea, ma il Ministero ha predisposto e sottoposto all’esame dell’ISPRA anche altre schede tecniche per il recupero di materiali. Insomma pare davvero che l’integrazione di innovazione e sostenibilità ambientale nel modello di business aziendale trova nell’economia circolare la sua migliore rappresentazione in termini di performance e approccio sostenibile, un mantra al quale ormai sempre più aziende e manager si stanno convertendo seguendo una strategia solida e lungimirante che parte da un punto fondamentale tanto importante quanto ormai accettato: nel futuro sempre maggiore attenzione verrà dedicata alle fonti di energie rinnovabili, ed effettivamente osservando oggi le scelte di molti grandi player internazionali sembra l’ipotesi più plausibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.