Posted On 12 novembre 2018 By In Sostenibilità With 65 Views

Il procurement ha un ruolo essenziale nella riduzione delle emissioni di CO2

Sostenibilità-emissioni

L’impatto ambientale maggiore di un’azienda si trova lungo la supply chain

In occasione di un evento organizzato dall’azienda di consulenza State of Flux, Hugh Jones, advisory managing director di The Carbon Trust, organizzazione che aiuta le aziende a ridurre le emissioni di CO2, ha dichiarato che la maggior parte dell’impatto ambientale di un’azienda non proviene dalle attività dirette, racconta Katie Jacobs su Supply Management.

«In media, in ogni settore, l’impatto climatico è di gran lunga maggiore al di fuori delle pareti della vostra azienda», ha affermato. Tra il 60 e il 95% degli impatti ambientali di un’azienda provengono da monte o da valle, dalla catena di fornitura o dai clienti che utilizzano i prodotti dell’azienda, ha aggiunto Jones.

«Solo dal 5 al 40% proviene dalle attività produttive», ha affermato. «Il procurement è responsabile della maggioranza degli impatti sull’ambiente. Ha un ruolo essenziale nell’influenzare la supply chain, per quanto riguarda sia la produzione che la distribuzione dei prodotti e servizi di un’azienda».

Nel breve periodo, ha affermato Jones, questo potrebbe tradursi nel far sì che i fornitori siano più convenienti ed efficienti, mentre nel lungo periodo può essere messo in relazione al rischio relativo al cambiamento climatico: «può rendere la supply chain maggiormente resiliente e sostenibile nel senso più esteso».

«Qualsiasi sia il vostro settore, dovete pensare all’intero ciclo di vita della vostra attività», ha aggiunto. Jones ha citato l’esempio di Carlsberg, che ha lavorato insieme a The Carbon Trust per stabilire degli obiettivi scientificamente fondati, come quello di azzerare le emissioni di CO2 nei propri impianti di produzione di birra e di ridurre del 30% la propria impronta di carbonio nell’intero ciclo di vita del prodotto entro il 2030.

Circa il 40% delle emissioni di diossido di carbonio prodotte da Carlsberg proviene dalle attività di packaging. L’azienda ha stretto delle partnership con 30 fornitori per ridurre l’impronta di carbonio condivisa. «Si tratta di avere una visione consapevole dell’impatto della propria catena del valore, che comprende molto di più delle bollette dell’elettricità», ha affermato Jones.

Ha anche condiviso esempi del lavoro svolto da The Carbon Trust insieme all’aeroporto di Heathrow a Londra e all’azienda di telecomunicazioni O2. L’aeroporto si è impegnato a usare il 100% di energia rinnovabile e a fornire supporto sull’efficienza energetica ai propri suppliers del Tier 1 entro il 2020.

O2 ha inserito degli accordi contrattuali riguardanti l’impatto ambientale con i propri fornitori per un milione di sterline. Questi fornitori devono impegnarsi a rispettare i programmi di riduzione delle emissioni, rispetto alle quali vengono regolarmente sottoposti a controllo delle performance.

La reazione delle aziende al problema del cambiamento climatico è stata nel complesso molto positiva, ha affermato Jones. «Il cambiamento climatico è il più importante tra i problemi della sostenibilità», ha aggiunto. «Le aziende stanno facendo dei passi in avanti e stanno andando oltre le decisioni politiche. Stanno aprendo la strada».

Lascia un commento