Posted On 10 Maggio 2022 By In Sostenibilità With 47 Views

La trasformazione digitale incide sugli obiettivi ESG

Secondo BCG, il raggiungimento degli obiettivi ESG e la creazione della sostenibilità come vantaggio competitivo richiedono l’integrazione sistematica della tecnologia. Assicurarsi che i prerequisiti digitali per le iniziative ESG siano in atto è un primo passo fondamentale.

Nell’ultima ricerca di BCG sulle trasformazioni digitali, oltre il 60% degli intervistati ha indicato i fattori ESG come criterio chiave per selezionare e dare priorità alle iniziative digitali e oltre l’80% delle aziende prevede di aumentare i propri investimenti nella sostenibilità.

La ricerca ha coinvolto più di 850 aziende in tutto il mondo, rilevando un chiaro legame tra capacità digitali e sostenibilità. Per le aziende che hanno successo nelle loro trasformazioni digitali gli obiettivi ESG costituiscono un fattore determinante per la realizzazione delle iniziative digitali.

 

Come le aziende stanno definendo le loro priorità digitali E, S e G

Dalla ricerca emerge che nel complesso una società su quattro fa dell’ESG l’area di interesse principale delle sue trasformazioni digitali.

Stando ai dati esistono differenze significative tra i settori per quanto riguarda l’importanza che le aziende attribuiscono all’ESG e quanto ogni settore enfatizza l’E, S e G.

Il cambiamento climatico ha messo al centro le considerazioni ambientali, ma gli investimenti aziendali coprono tutti e tre gli aspetti della sostenibilità.

Complessivamente, l’80%, il 70% e il 69% delle aziende ha iniziative digitali incentrate rispettivamente su obiettivi sociali, considerazioni di governance e programmi ambientali.

A livello settoriale, le aziende in settori più incentrati sulle persone (l’assistenza sanitaria e i beni e servizi di consumo) danno priorità alle iniziative sociali. Le aziende energetiche e i produttori di beni industriali enfatizzano le iniziative ambientali. La governance e le iniziative sociali sono le massime priorità tra le istituzioni finanziarie e le compagnie assicurative (l’aumento degli attacchi informatici e il passaggio a modalità di lavoro più remote sono alla base di queste preoccupazioni).

A livello regionale, le iniziative sociali (S) sono la priorità più perseguita in Nord America e in Europa, dove le preoccupazioni relative a diversità, equità e inclusione sono elevate. Le iniziative di governance (G) sono al primo posto in Asia. Le aziende in Europa (74%) e Asia (71%), dove la maggior parte dei paesi sono consumatori netti di energia, hanno maggiori probabilità di dare la priorità alle iniziative ambientali (E) rispetto alle aziende del Nord America (64%), un importante centro di produzione e utilizzo di combustibili fossili.

 

Usare le tecnologie digitali per guidare l’agenda ESG

La tecnologia agisce come un importante acceleratore per portare avanti le iniziative di sostenibilità aziendale. BCG definisce questo vantaggio tecnologico in termini di “mentalità ecologica”, tramite l’adozione di tecnologie e modalità di lavoro avanzate per consentire soluzioni redditizie che hanno anche un impatto positivo sugli obiettivi ESG.

 

I cinque prerequisiti fondamentali per portare avanti le iniziative ESG secondo BCG

  1. Sostenibilità e crescita vanno pensate insieme

La sostenibilità presenta opportunità sia di crescita che di riduzione dei costi. Queste opportunità possono comportare l’interruzione del core business di un’azienda offrendo alternative a basse emissioni di carbonio o creando nuovi prodotti e servizi che espandono l’accessibilità.

In questo senso le aziende devono essere in grado di innovare rapidamente e promuovere l’innovazione nell’intera organizzazione. Le capacità digitali, come i team completamente agili in grado di prendere e implementare decisioni in modo indipendente, i meccanismi di finanziamento basati sulle prestazioni e l’adozione rapida e flessibile della tecnologia, sono fondamentali per le aziende per consentire tale innovazione.

 

  1. Non puoi ridurre sistematicamente ciò che non puoi misurare

Misurare accuratamente le emissioni prodotte direttamente dalle attività dell’azienda è fondamentale per mettere a punto un successivo piano di azione.

Secondo BCG il vero valore deriva dalla capacità di integrare i dati interni con i dati di una filiera o ecosistema più ampio in modo da identificare aree di intervento al di là dei processi aziendali. Ciò richiede un’infrastruttura basata su interfacce di programmazione delle applicazioni e capacità avanzate del personale per gestire la raccolta e l’analisi dei dati e orchestrare le conversazioni pertinenti.

 

  1. Gli ambienti dinamici richiedono il supporto del processo decisionale digitale

Sfruttare l’intelligenza artificiale e l’analisi avanzata per supportare decisioni difficili (ad esempio la progettazione di una catena di approvvigionamento o il ripensamento di un modello di erogazione dei servizi in modalità remota) consente alle aziende di muoversi più velocemente e con maggiore sicurezza e di compiere mosse più audaci.

Tuttavia, fare affidamento sull’IA richiede capacità di dati molto avanzate e un livello di familiarità e comfort con strumenti avanzati che possono essere acquisiti solo nel tempo.

 

  1. Il monitoraggio e la mitigazione del rischio sono prioritari

Essere in grado di quantificare i rischi associati a fattori esterni come i cambiamenti climatici o gli incidenti informatici (furto di dati o un attacco al sistema, ad esempio) sono priorità in rapida crescita per molte aziende.

Rispettivamente l’89% e l’86% delle aziende ha in atto delle iniziative prioritarie per la gestione del rischio di incidenti critici e per il monitoraggio in tempo reale dei rischi.

L’accesso ai dati, agli algoritmi, al meccanismo decisionale e alla governance corretti è fondamentale per comprendere in tempo reale in che modo gli eventi esterni possono influenzare la catena di approvvigionamento e tradurli in un potenziale impatto finanziario.

Inoltre, queste capacità consentono alle aziende di ottimizzare il livello di trasparenza sul processo decisionale e sulla responsabilità, portando non solo a una migliore prevenzione dei rischi, ma anche a sforzi di mitigazione più rapidi ed efficaci.

 

  1. L’accesso a piattaforme ed ecosistemi è fondamentale

Il 72% delle aziende cita la raccolta di dati attraverso l’IoT, il monitoraggio dei processi di produzione e la valutazione dell’impatto ambientale come priorità assolute. Le capacità digitali sono essenziali per attingere a piattaforme ed ecosistemi di innovazione e contribuire al cambiamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.