Posted On 27 Aprile 2022 By In Sostenibilità With 254 Views

L’approvvigionamento sostenibile guida il cambiamento

La lotta al cambiamento climatico è uno degli sforzi condivisi più urgenti che richiedono un’azione imminente da parte di governi, imprese e individui.

All’interno delle aziende, l’approvvigionamento sta guadagnando rapidamente il riconoscimento come una delle funzioni più impattanti quando si tratta di sostenibilità e infatti un nuovo sondaggio di BearingPoint rileva che oltre la metà dei leader considera gli appalti sostenibili come un pilastro fondamentale per il successo futuro.

Intervistando più di 700 leader aziendali ed esperti di approvvigionamento e sostenibilità, BearingPoint ha rilevato che il 98% concorda sul fatto che un approccio di approvvigionamento sostenibile è essenziale per il successo futuro di un’azienda.

Il rapporto di BearingPoint suggerisce che le aziende con una misurazione di base delle loro emissioni di carbonio sono meglio preparate e strutturate per iniziative di successo per approvvigionarsi in modo più sostenibile e, infine, decarbonizzare la loro catena di approvvigionamento.

Quando è stato chiesto quali fossero le ragioni principali per l’implementazione di approvvigionamenti sostenibili, l’85% ha risposto che stava cercando di garantire la conformità alle normative ambientali attuali o future. Al contrario, mentre era ancora la maggioranza, solo il 55% degli intervistati ha affermato di ritenere di poter ottenere un vantaggio competitivo da un approvvigionamento sostenibile.

Secondo il rapporto, per risolvere questo problema, gli amministratori delegati in qualità di Chief Environmental Officer dovrebbero concentrarsi sul superamento di barriere quali:

– formazione insufficiente,

– difficoltà nel tradurre gli impatti in benefici finanziari,

– mancanza di rendicontazione sulla sostenibilità della catena di approvvigionamento.

Garantire il superamento di queste barriere è importante affinché la sostenibilità sia considerata un’area strategica in cui è possibile guadagnare terreno sulla concorrenza, potrebbe esserci più trazione per il cambiamento.

 

Affrontare l’agenda della sostenibilità con KPI chiari e misurabili

I team di approvvigionamento, quindi, sono posizionati in modo univoco e hanno le competenze per aiutare a ridefinire e migliorare la sostenibilità delle organizzazioni attraverso le loro decisioni e processi di approvvigionamento.

Tuttavia, molte aziende stanno lottando per definire come trasformare un’aspirazione a un approvvigionamento più sostenibile, in piani d’azione e risultati pratici e tangibili.

A tal proposito la società di consulenza in ambito procurement, Efficio, ha illustrato come le aziende possono affrontare l’agenda della sostenibilità affidandosi a KPI chiari e misurabili.

 

I principi per stabilire i KPI

Quando si prendono decisioni consapevoli su quali aspetti della sostenibilità sono una priorità per la propria azienda, sia per creare trasparenza che per ottenere miglioramenti tangibili nel tempo, è importante ricordare i principi chiave di un’efficace progettazione e implementazione dei KPI.

Secondo Efficio, i KPI di sostenibilità dovrebbero essere:

Specifici e misurabili: i valori KPI devono essere chiaramente misurati e specifici per un fornitore o una categoria. Laddove c’è un’ambizione in termini di prestazioni ma non ci sono dati, è necessario implementare nuovi processi e indicatori di dati per stabilire una linea di base.

Basati sui risultati: dovrebbero misurare un cambiamento nei risultati, non solo le attività completate da un elenco di riferimento.

Allineati agli obiettivi di business top-down: i KPI dovrebbero essere facilmente tradotti tra prestazioni specifiche della categoria e obiettivi aziendali complessivi.

Inoltre, poiché ci sono diversi fattori alla base di una catena di approvvigionamento sostenibile, Efficio suggerisce di considerare tre indicatori chiave per stabilire i KPI di sostenibilità: persone, pianeta e profitto.

 

1. Persone (sostenibilità sociale)

I KPI per la sostenibilità sociale si concentrano sulla promozione della trasparenza di un trattamento equo e dell’uguaglianza per tutto il lavoro lungo tutta la catena di approvvigionamento.

La valutazione della sostenibilità sociale è spesso condotta tramite società di revisione indipendenti di terze parti. Le pratiche sono più frequentemente valutate attraverso l’adesione o meno dei fornitori ai codici di condotta e alle normative più ampie del governo o degli organismi professionali.

Le aziende spesso cercano di mitigare i rischi reputazionali evitando i fornitori che utilizzano pratiche commerciali non etiche, come il lavoro forzato o minorile, la schiavitù moderna e ambienti di produzione non sicuri. Richiedendo trasparenza nel processo di approvvigionamento, le imprese promuovono la loro sostenibilità sociale, garantendo che le pratiche di lavoro siano etiche, sicure ed eque.

 

2. Pianeta (sostenibilità ambientale)

I KPI per la sostenibilità ambientale devono essere progettati per garantire fornitura, distribuzione, consumo, produzione e smaltimento responsabili dei materiali chiave e delle risorse energetiche al fine di mitigare l’impatto negativo sull’ambiente.

Questi KPI devono essere adattati a categorie, fornitori e prodotti specifici per essere efficaci. Sebbene siano spesso incentrati sui materiali diretti, possono essere applicati a categorie indirette come flotte, gestione dei rifiuti, viaggi, IT e forniture per ufficio.

 

3. Profitto (sostenibilità finanziaria)

Assicurare la sostenibilità finanziaria aziendale implica garantire che la redditività di un’impresa rimanga ben protetta anche in caso di interruzione o cambiamento del mercato.

I KPI per la sostenibilità finanziaria dovrebbero includere i rischi di fornitura e distribuzione, volti ad aumentare la trasparenza attraverso la catena di approvvigionamento e i fornitori di livello inferiore identificando fornitori e regioni instabili o ad alto rischio.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.