Posted On 19 Ottobre 2022 By In News, Sostenibilità With 106 Views

Verso una logistica più sostenibile

Aspettando il Supply chain & Logistics congress – 22 novembre 2022


Il lockdown e la grande richiesta del mercato hanno accelerato il processo di introduzione di tecnologie all’avanguardia nelle aziende, facendoci entrare di fatto nella logistica 4.0.

Tra queste innovazioni un posto di rilievo è quello occupato dalla sostenibilità, che non solo rappresenta un trend, ma un fattore che le aziende non possono più ignorare. Produttori e consumatori sono, o dovrebbero essere, sempre più attenti a opzioni rispettose dell’ambiente.

In un momento in cui il carburante ha raggiunto prezzi elevati, soprattutto nell’ultimo anno, anche i vettori automobilistici stanno considerando la sostenibilità come una priorità. Ciò è apparso evidente in un recente sondaggio pubblicato dalla rete di trasporto merci digitale Convoy, con sede a Seattle, negli Stati Uniti.

 

Figura 1. Prezzi di carburante diesel e media e reddito degli autisti. Fonte: Convoy

Cosa dice il sondaggio di Convoy

Il sondaggio, intitolato Sustainability in Trucking Snapshot Report: October 2022, si basa sul feedback di 588 aziende di autotrasporti di piccole e medie dimensioni.

Per il 34% degli intervistati la pressione per ridurre le emissioni di carbonio è forte, con i conducenti di camion che sono i più preoccupati (al 42%), mentre i meno preoccupati sono i proprietari (solo il 29%). Per quanto riguarda le ragioni per ridurre le emissioni di carbonio, l’indagine ha rilevato che una maggiore consapevolezza del loro impatto ambientale è stata la principale (20%), seguita da vicino dalla regolamentazione governativa (18%), e dalla riduzione dei costi operativi (16%), quest’ultima voce in aumento del 7% da marzo 2022 a causa dell’inflazione che rimane elevata e dei prezzi del gas che si sono aggirati su livelli record.

Più di un terzo degli intervistati del sondaggio, il 38%, indica che prevede di acquistare un nuovo camion entro il prossimo anno, con il 31% che prevede di farlo nei prossimi uno-tre anni, il 7% in più di tre anni e il 23% senza intenzione di acquistare un camion in futuro. È interessante notare che, di quel quasi 70% cumulativo degli intervistati che prevede di effettuare un nuovo acquisto di camion, più di un terzo ha espresso interesse a prendere in considerazione un camion a carburante alternativo.

Ma quasi un quarto degli intervistati, il 24%, ha dichiarato di non sentire attualmente alcuna pressione per ridurre le emissioni di carbonio. Un elemento che rappresenta quanto la sensibilità non sia ancora generalizzata sul tema.

La necessità di trasparenza

Una azione chiave in ottica di maggiore sostenibilità e trasparenza è stata la proposta di divulgazione sul clima della Security and Exchange Commission (SEC), che richiede ai proprietari-operatori pubblici di società di trasporto e logistica di divulgare informazioni sui loro rischi climatici e sulle emissioni.

Stando sempre alla ricerca, il 38% dei conducenti sta già monitorando e comunicando le emissioni, seguito dagli spedizionieri, al 28%, e dai proprietari-operatori, al 19%. Inoltre, il 46% dei vettori ha affermato di essere disposto a fornire dati sull’efficienza del carburante dei camion a Convoy per monitorare le emissioni di carbonio. «I vettori che sentono la pressione per ridurre le emissioni di carbonio hanno il 50% in più di probabilità di tracciare o segnalare le emissioni», ha affermato Convoy commentando i risultati.

La ricerca fornisce un quadro parziale ma comunque significativo, intercettando la sensibilità del settore degli autotrasporti sui temi della sostenibilità ambientale.

L’intersezione tra autotrasporto e sostenibilità è un argomento di cui si sentirà sempre più parlare. In questo senso si sta muovendo l’Unione Europea, soprattutto attraverso la Sustainable and Smart Mobility Strategy, che contiene obiettivi relativi al passaggio a modalità di trasporto più sostenibili. Ovvero aumentare il traffico ferroviario ad alta velocità, il trasporto merci su rotaia e il trasporto per vie navigabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.