Posted On 6 Giugno 2022 By In Sostenibilità With 79 Views

Obiettivi Esg: quali aspetti ne ostacolano il raggiungimento?

Secondo il rapporto How to mitigate ESG risk in your supply chain, elaborato da Coupa, la maggior parte delle aziende “soffre di gravi punti ciechi nelle loro catene di approvvigionamento” che rendono impossibile raggiungere gli obiettivi Esg.

ll sondaggio ha coinvolto 800 leader aziendali in organizzazioni con oltre 1.000 dipendenti in Australia, Europa, Singapore, Regno Unito e Stati Uniti.

 

Top Esg priorities

  • Efficienza energetica migliorata: 94%
  • Riduzione delle emissioni di gas serra: 91%
  • Eliminazione della schiavitù moderna: 89%
  • Miglioramento della diversità della catena di approvvigionamento: 89%
  • Ridurre la deforestazione: 87%

 Molte aziende intervistate stanno investendo attivamente nelle loro operazioni per raggiungere i loro obiettivi Esg e garantire la conformità alle nuove normative, ad esempio:

  • acquistando o costruendo nuove tecnologie: 64%
  • migliorando e ampliando le proprie capacità legali e di conformità: 62%
  • acquisendo nuovi strumenti di misurazione e analisi: 59%

 

Tre barriere principali ostacolano la valutazione del rischio Esg dei partner della supply chain  

  • Mancanza di dati su credenziali Esg dei fornitori: 48%
  • Finanziaria limitata risorse: 40%
  • Affidarsi a tecnologie non progettate per essere conformi agli standard Esg: 36%

 

La mancanza di dati Esg sui fornitori è un problema per molti

In particolare, quasi tre quarti delle aziende analizzate (65%) non sono in grado di dire se i partner della catena di approvvigionamento più vicini soddisfano qualsiasi tipo di standard Esg, compreso il proprio. Inoltre, solo il 37% delle grandi imprese ha affermato di disporre di un sistema di gestione del rischio efficace per garantire l’integrità ambientale e sociale delle proprie catene di approvvigionamento.

A tal proposito, il 57% delle aziende ritiene che la propria capacità di valutare il rischio dei fornitori e la conformità debbano essere migliorate.

Donna Wilczek, vicepresidente senior per l’innovazione di prodotto e la strategia di Coupa, ha dichiarato: “Nonostante tutta la volontà del mondo, nessuna azienda può realizzare pienamente i propri obiettivi Esg e fare la differenza se non possiede dati accurati e tempestivi su cui prendere decisioni.”

Una maggiore collaborazione a livello di settore e la condivisione dei dati ridurrebbe enormemente questa duplicazione degli sforzi per la loro raccolta. Infatti, quasi tutte le aziende intervistate (99%) hanno riconosciuto che una condivisione dei dati più aperta e trasparente le aiuterebbe a valutare accuratamente il rischio Esg e la conformità dei loro partner della catena di approvvigionamento in tutto il mondo.

La condivisione dei dati tra la comunità aziendale, in primo luogo, garantirebbe la raccolta in modo scalabile, ottimizzata dall’intelligence della comunità; e in secondo luogo, porterebbe i dati nelle mani dei responsabili delle decisioni più rapidamente all’interno di un’azienda, in modo che possano collaborare meglio per agire per migliorare la loro catena di approvvigionamento.

Il rapporto afferma che l’inaccessibilità dei dati disponibili è stata aggravata da una mancanza di agilità nel sostituire i fornitori.

Nonostante la maggior parte delle aziende intervistate (95%) abbia affermato che è importante poter sostituire rapidamente i fornitori che non sono in linea con i loro valori Esg, il 42% ha affermato che la sostituzione di un fornitore richiederebbe un paio di mesi o più. Solo il 16% ha affermato che sarebbe in grado di adattarsi entro un paio di giorni.

 

Un approccio basato sulla comunità sembra essere la soluzione

Secondo gli analisti, la condivisione dei dati e la propensione al confronto potrebbero aiutare le aziende a scalare i propri impegni Esg fornendo informazioni su come:

  • Ottimizzare la progettazione della catena di approvvigionamento per ridurre le emissioni di CO2;
  • Ottenere indicatori principali dei problemi di prestazioni dei fornitori;
  • Valutare i rischi Esg dei propri fornitori utilizzando l’automazione.

Ciò contribuirà a garantire che le aziende possano adattare i processi e le capacità necessarie per la conformità con la legislazione attuale e futura dei governi globali che sempre più impone una maggiore supervisione aziendale nelle catene di approvvigionamento globali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.