Posted On 22 Novembre 2021 By In Sostenibilità With 32 Views

Sostenibilità aziendale a sostegno del business

Dall’inizio della pandemia di COVID-19, il mondo ha dovuto fare i conti con l’interruzione della catena di approvvigionamento globale.

Ogni elemento della catena di approvvigionamento di un’azienda genera impatti ecologici, sociali ed economici e proprio per questo, la sua interruzione ha evidenziato la necessità per le aziende di operare in modo sostenibile e responsabile.

La sostenibilità, all’interno di un contesto aziendale, punta a ridurre gli effetti negativi sull’ambiente e sulla società. In questo senso le aziende devono adottare una visione olistica dei processi, della logistica, delle tecnologie e dei componenti dell’intera organizzazione per creare un approccio sostenibile alla catena di fornitura.

Per diventare più solide e sostenibili, molte organizzazioni stanno semplificando le proprie catene di approvvigionamento e, di conseguenza, stanno riducendo al minimo il rischio di guasti operativi dovuti a interruzioni normative, ambientali o sociali.

Valutare attentamente l’impatto che la propria azienda ha sul pianeta è diventata una prerogativa per tutte quelle organizzazioni che si stanno affrettando ad agire sulle pratiche sostenibili in risposta alla pressione degli investitori, alle richieste dei clienti e alle normative.

La società Worldwide Erc, in un articolo apparso sul suo blog, rivela come la sostenibilità sempre più si intersechi con la catena di fornitura nel guidare la redditività di un’azienda.

 

Una maggiore enfasi sulla sostenibilità avvantaggia le organizzazioni su tutta la linea

 WordWide Erc, ha riportato lo studio di EcoVadis, il fornitore più affidabile al mondo in valutazioni di sostenibilità aziendale, che ha rilasciato i risultati del Barometro degli Acquisti Sostenibili 2021, una ricerca condotta tra acquirenti e venditori di oltre 350 aziende, che ha rivelato come le aziende abbiano reso le loro catene di approvvigionamento più sostenibili per affrontare le sfide della pandemia.

Secondo la ricerca, il 63% degli acquirenti e il 73% dei fornitori ha riferito che le pratiche di approvvigionamento sostenibile li hanno aiutati a sopportare la situazione di emergenza, dando priorità a valori come i diritti dei lavoratori e la protezione ambientale.

I leader degli appalti sostenibili hanno riferito che queste pratiche li hanno aiutati a mitigare i rischi, riscontrando una maggiore resilienza nelle loro catene di approvvigionamento, costi ridotti e una migliore produttività dei talenti.

Nonostante il profitto abbia a lungo dettato il modo di operare delle organizzazioni, man mano che sempre più aziende inseguono la sostenibilità, la ricerca del bene comune prevale rispetto ai soli scopi di crescita e redditività.

Il 63% delle aziende, infatti, riferisce che il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità aziendale è una prerogativa chiave dei loro programmi di approvvigionamento. Quasi il triplo del numero di aziende che hanno dato priorità alla sostenibilità solo due anni fa.

Questa tendenza al rialzo è condivisa sia dalle grandi società che dalle medie imprese, che nonostante dispongano di meno strumenti e meno capitale, hanno mostrato un maggiore interesse per le pratiche sostenibili della catena di approvvigionamento.

 

Stabilire pratiche sostenibili per la catena di approvvigionamento avvantaggia le aziende

Impegnarsi nella sostenibilità genera il potenziale per migliorare le prestazioni di una società.

Tutti i tipi di stakeholder aziendali, dai dipendenti ai clienti, dai fornitori agli investitori, stanno iniziando a considerare le pratiche sostenibili della catena di approvvigionamento quando si misura il successo di una compagnia.

Per stabilire pratiche sostenibili per la catena di approvvigionamento, le organizzazioni devono utilizzare criteri di sostenibilità fin dalla prima interazione con un potenziale fornitore. Attraverso valutazioni annuali, i leader devono continuare a utilizzare una più ampia varietà di strumenti e strategie per garantire il raggiungimento dei propri obiettivi di sostenibilità.

Oltre a soddisfare i clienti attenti alla sostenibilità, le aziende devono considerare anche i requisiti previsti dalla legge. Nei prossimi anni, infatti, verranno applicate alle imprese normative in materia di responsabilità sociale e comunitaria. I governi di tutto il mondo stanno già implementando le direttive sulla sostenibilità in una vasta gamma di settori e per superarle, le aziende devono anticipare in modo proattivo i requisiti legali.

In questo contesto si inseriscono anche le innovazioni tecnologiche che hanno contribuito a sradicare la convizione per cui la sostenibilità fosse un mero compromesso che avrebbe comportato una perdita in termini di efficienza, costi e profitti. Fortunatamente oggi, il progresso offerto dalla tecnologia  ha permesso alle aziende di controllare i propri impatti sociali e ambientali pur rimanendo competitive nel proprio settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.