Posted On 11 Novembre 2020 By In Sostenibilità With 66 Views

Sostenibilità e packaging: parola al consumatore

L’arrivo del Covid ha scombussolato la nostra quotidianità e al tempo stesso ha spostato il comportamento dei consumatori verso scelte più sostenibili. In primis, già durante il primo lockdown si era assistito ad una impennata degli acquisti online, una maggiore sensibilità verso i prezzi ma soprattutto la consapevolezza di dover fare qualcosa in più per l’ambiente. L’attenzione verso packaging sostenibile si è alzata alle stelle e McKinsey & Company ha deciso di lanciare un sondaggio in 10 paesi in tutto il mondo per capire fino in fondo il rapporto tra consumatore e sostenibilità. Abbiamo cercato in questo articolo di condensare i punti principali della ricerca sul mercato statunitense.

 

La ricerca negli Usa ha portato alla luce 5 risultati chiave:

  • la sostenibilità è in basso tra i criteri di acquisto: prezzo, qualità, marchio e convenienza sono i fattori più tenuti in conto
  • più della metà dei consumatori statunitensi è preoccupata per l’impatto ambientale degli imballaggi, soprattutto rifiuti marini
  • sono disposti a pagare di più per il green ma acquisterebbero di più se ci fossero più prodotti e se fossero etichettati meglio
  • quasi tutti sono interessati a imballaggi in plastica riciclabili e riciclati e sostituti a base di fibre
  • attenzione per igiene e sicurezza per il packaging

 

Da questo si evince la necessità da parte delle aziende di packaging di ripensare e adottare un approccio nuovo che renda l’imballaggio sostenibile non solo disponibile ma anche evidente ai consumatori. Ciò nonostante non esiste una soluzione universale ma quel che è certo è che la collaborazione con i partner della catena del valore dovrà essere avviata il prima possibile e si dovrà anche avere un approccio sperimentale allo sviluppo di soluzioni.

Dati sulla sostenibilità del packaging: il sentimento del consumatore

Nel sondaggio, alla domanda su quali fossero i fattori più importanti che influenzano il comportamento di acquisto, i consumatori statunitensi hanno dimostrato un grado relativamente basso di interesse per gli aspetti ambientali dei prodotti e del loro imballaggio mentre igiene e sicurezza alimentare, durata di conservazione e la facilità d’uso risultano più importanti.

Ciò nonostante, il 55% degli intervistati negli Stati Uniti dichiara di essere estremamente o molto preoccupato per l’impatto ambientale della confezione del prodotto. I consumatori classificano i rifiuti marini e altri fattori come la deforestazione e l’esaurimento delle risorse naturali a livelli simili.  Il livello di preoccupazione è leggermente più alto per i prodotti lattiero-caseari e più basso per la ristorazione.

Per quanto riguarda i substrati per imballaggi, circa il 57-60% dei consumatori statunitensi considera il vetro, il cartone e la carta estremamente o molto sostenibili.

Cosa vogliono i consumatori statunitensi per il futuro?

Il 60-70% dei consumatori ha affermato che avrebbe pagato di più per imballaggi sostenibili e il 52% ha affermato che acquisterebbe più prodotti con imballaggi sostenibili se tali prodotti non costassero più di quelli confezionati convenzionalmente.
Circa il 35-36% degli intervistati acquisterebbe ulteriori prodotti confezionati in modo sostenibile se fossero più disponibili nei negozi, disponibili per più prodotti e meglio etichettati (per indicare imballaggi green).

Il sondaggio ha anche valutato quale tipo di imballaggio sostenibile i consumatori statunitensi si aspettano di vedere più spesso. Le preferenze variano a seconda delle diverse aree di utilizzo finale esaminate:

  • I consumatori sono più o meno ugualmente interessati agli imballaggi in plastica riciclabili e riciclati e agli imballaggi a base di fibre. Le loro preferenze specifiche dipendono dall’uso finale.
  • I consumatori si aspettano l’introduzione di imballaggi più compostabili.

 

Tre azioni da mettere in pratica

L’intera catena del valore del packaging deve considerare e agire rapidamente su una serie di questioni:

Adottare un approccio olistico alla sostenibilità piuttosto che concentrarsi su una sola cosa.
Il sondaggio dimostra che i consumatori richiedono un’azione in più aree ambientali. Quando gli attori del packaging si rivolgono a loro, sarà necessario utilizzare un’etichettatura chiara e opzioni più generalmente disponibili per aiutare i consumatori a vedere e comprendere la narrativa della sostenibilità.

Una comprensione granulare dei segmenti degli utenti finali sarà fondamentale.
Alcuni consumatori classificano gli imballaggi in fibra al primo posto, altri il film plastico compostabile. Non esiste una soluzione universale e gli operatori del packaging dovranno capire a livello granulare come acquistano e utilizzano i prodotti i consumatori ma anche come smaltiscono gli imballaggi attuali. Queste si riveleranno delle informazioni fondamentali per perfezionare di volta in volta il proprio packaging

Ridefinire la sostenibilità per includere le preoccupazioni in materia di igiene.
Si dovrà affrontare anche la questione e-commerce. I trasformatori di imballaggi che possono combinare sostenibilità e igiene con requisiti aggiuntivi (come costi, prestazioni e convenienza) hanno maggiori probabilità di avere successo.

Lascia un commento