Posted On 17 Marzo 2021 By In Sostenibilità With 148 Views

Successo digitale: le metriche per valutarlo

In questo ultimo periodo, quasi tutte le aziende stanno portando avanti una transizione digitale. Ma come si può valutare il successo digitale e verificare il suo andamento? Spesso chi è al comando non è in grado di delineare un quadro della situazione e per questo dovrebbe considerare 4 metriche evidenziate da McKinsey&Company.

I CEO sono in una posizione unica per avere una visione completa e un’influenza su tutte le funzioni aziendali per garantire che l’organizzazione nel suo insieme sfrutti il ​​digitale in modo significativo e redditizio.

Valutazione del successo digitale

Il primo passo consiste nel mappare la situazione e costruire una road map. In questo modo l’organizzazione potrà riassumere le proprie priorità digitali e decidere come agire di conseguenza.

Quando l’implementazione della road map digitale è iniziata, è tempo di iniziare a misurare le prestazioni attraverso quattro indicatori.

  • Ritorno sugli investimenti digitali

Per massimizzare i rendimenti, si può pensare di trasformare un dominio aziendale alla volta e di ampliarlo per ottenere trazione. La trasformazione dei domini uno per uno consente alle organizzazioni di sfruttare set di dati, soluzioni tecnologiche per più casi d’uso, il che alla fine consente di risparmiare tempo e denaro.

Un altro modo per massimizzare il ritorno sull’investimento è indirizzare risorse sufficienti verso la promozione dell’adozione di nuovi strumenti digitali. Inoltre, l’organizzazione dovrebbe mettere in atto iniziative di gestione del cambiamento che incoraggino l’adozione delle soluzioni.

  • Percentuale del budget tecnologico annuale speso per iniziative digitali

È improbabile che le organizzazioni che spendono solo una piccola parte dei loro budget tecnologici per abilitare le iniziative digitali massimizzino il ritorno sull’investimento digitale. L’allocazione della spesa tecnologica è un indicatore importante che i CEO possono monitorare per garantire che l’organizzazione sia in grado di fornire valore supportato dal digitale.

La tecnologia aziendale si sta spostando da un’architettura IT monolitica a microservizi per casi d’uso specifici e sviluppo di applicazioni personalizzate. Questi strumenti e approcci consentono ai team di creare rapidamente prodotti e servizi che garantiranno il massimo valore.

  • Tempo necessario per creare un’applicazione digitale

La velocità è fondamentale in un’organizzazione digitale. Ovviamente, rapido non significa malfunzionamento. Sebbene soggetti a miglioramento, i prodotti devono fornire un’adeguata esperienza del cliente sin dall’inizio. Una volta che il prodotto è sul campo, i miglioramenti dovrebbero essere tempestivi e la distribuzione non dovrebbe richiedere più di due settimane.

La responsabilità di acquisire e monitorare questa metrica spetta all’unità aziendale che sponsorizza lo sviluppo di uno strumento digitale e al leader tecnico dell’organizzazione. Il ruolo del CEO è quello di essere a conoscenza dei principali risultati e scadenze e, insieme alla leadership tecnica, di esaminare tutte le iniziative digitali in tutta l’organizzazione per identificare le aree in cui le tempistiche sono costantemente più lunghe.

  • I migliori talenti tecnici

La capacità di attrarre e trattenere talenti tecnologici è  il motore del successo a lungo termine in questa era digitale. Il talento tecnologico include persone con esperienza in ingegneria e analisi dei dati, design e user experience e tecnologia di base.

L’amministratore delegato, in quanto unica persona con una visione globale dell’intera organizzazione, deve comprendere le esigenze più critiche e avere un modo di misurare i progressi per garantire un’infusione di talenti con una mentalità di costruzione e trasformazione

Forse la cosa più importante è l’integrazione dei talenti. Se il tuo talento tecnologico è isolato in un silo, piuttosto che fianco a fianco con il business, è estremamente difficile scalare nel digitale. Per monitorare ciò, alcune organizzazioni conducono analisi di rete, ad esempio esaminando il numero di persone a cui i dipendenti inviano e-mail in un determinato periodo. Se un dipendente invia costantemente messaggi solo agli stessi tre o quattro colleghi stretti, potrebbe esserci un problema.

Infine, poiché le aziende non possono mai assumere per tutti i talenti digitali necessari, è anche importante misurare la capacità di un’organizzazione di migliorare le competenze dei talenti esistenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.