Posted On 11 Maggio 2020 By In Supply Chain With 198 Views

Come gestire il lavoro agile da casa e mantenerlo efficace

Lavoro agile da casa come mantenerlo efficace

Con l’arrivo del coronavirus i team di lavoro agile stanno rappresentando un grande vantaggio per le aziende. Una loro caratteristica è quella di saper prioritizzare e adattarsi alla crescente digitalizzazione di ogni attività. Ma questa coesione del team potrebbe essere stata intaccata dalla necessità di lavorare in smart working e ci si pone il quesito di come gestire il lavoro agile da casa mantenendolo efficace. 

Secondo l’articolo di McKinsey & Company la permanenza negli stessi spazi del team garantisce una maggiore coesione e  semplifica la risoluzione dei problemi, incoraggia la comunicazione istantanea e consente processi decisionali rapidi. Eppure con l’uso della giusta tecnologia  sembrerebbe che l’efficacia e l’efficienza del team da casa non venga minimamente intaccata. 

Quali sono le azioni che i leader aziendali devono implementare per mantenere efficace il lavoro agile da casa?

Rivedere le norme e le regole di base per l’interazione

Lavagne virtuali, chat istantanea e strumenti di videoconferenza possono essere un vantaggio ma potrebbero richiedere ai membri del team di adattarsi agli strumenti stessi.

In una squadra agile, tutti devono assumersi la responsabilità di catturare idee spontanee ed evitare di perderle. Quando si utilizzano le lavagne virtuali, ad esempio, i team devono fare uno sforzo supplementare per acquisire la vista collettiva, specialmente nei team remoti più grandi. Ciò contribuirà ad evitare ambiguità e confusione nelle priorità individuali. 

Coltivare i legami

I membri del team dovrebbero incoraggiarsi a vicenda a presentare i loro animali domestici e i loro familiari e mostrare tutti gli oggetti significativi nel loro spazio di lavoro. Lavorando in remoto, i team devono fare uno sforzo più consapevole per essere socievoli, educati, precisi, per garantire a tutti di sentirsi al sicuro contribuendo in remoto come hanno fatto di persona.

Per molti team che lavorano in remoto, alcuni approcci alla coesione e al cameratismo sono diventati rapidamente familiari. In una banca degli Stati Uniti, ad esempio, un team agile ha creato happy hour virtuali.

Ricalibrazione dei processi agili remoti

 La sfida per i team remoti e agili è che saranno tentati di provare a replicare esattamente tutto ciò che ha funzionato per loro in un ambiente condiviso. Il trucco è lavorare all’indietro: iniziare con i risultati che si stavano ottenendo in ufficio e modificare le cerimonie di scrum. Si tratta di adattarsi alla situazione piuttosto che attenersi a una guida. Il lavoro a distanza può anche richiedere nuove cerimonie e una comunicazione più mirata e strutturata. Per orientarsi, i team agili di una società hanno adottato incontri bisettimanali in tutta la divisione per identificare e concordare gli obiettivi per le settimane successive.

Stabilire un’unica fonte di verità

Lavorando in remoto, i team potrebbero dover prendere in considerazione un approccio diverso per documentare la discussione dei team, producendo una cosiddetta singola fonte di verità per commemorare gli accordi. Se i membri del team non partecipano tutti all’evento, o se c’è il rischio che vengano distratti durante la chiamata, è importante calibrare il processo in base al contesto. È probabile che l’approccio giusto sia specifico per squadra, a seconda della maturità della squadra e delle norme esistenti.

Passare alla collaborazione asincrona

La comunicazione asincrona, come le bacheche di messaggistica e la chat, può essere un mezzo efficace per coordinare i team agili che lavorano in remoto. Ciò ha il vantaggio di consentire ai membri del team di tenere d’occhio le criticità in qualsiasi momento della giornata e serve da registro delle preoccupazioni sollevate e affrontate. 

Mantenere le squadre impegnate durante le lunghe cerimonie

 Un accordo di lavoro a distanza crea nuove sfide per mantenere motivati i team agili ed evitare il burnout. Lavorare in isolamento è difficile per ogni persona, ma in particolare per i team agili abituati alla comunicazione faccia a faccia e al frequente impegno interpersonale. 

In un istituto finanziario statunitense, ad esempio, uno scrum master si è reso conto che fissare uno schermo video per più di un paio d’ore era molto improduttivo e passivo. La sua soluzione? Per riunioni più lunghe, ha iniziato a programmare una pausa di allenamento da 10 a 15 minuti ogni 90 minuti, con uno strumento di videoconferenza condiviso per consigliare diversi esercizi.

Adattare la leadership

La missione principale della leadership rimane la stessa, che sia di presenza o in remoto. Ma i leader devono essere più deliberati quando interagiscono con clienti e team, specialmente quando si ha un’interazione personale limitata. Lavorando a distanza, devono essere più vicini e più attivi nel guidare i propri membri del team. Devono anche essere intenzionati a coinvolgere clienti e stakeholder esterni. Devono essere trasparenti e rassicuranti nella loro comunicazione sulle prestazioni e sugli obiettivi della squadra. 

Il brusco passaggio a un ambiente di lavoro remoto è stato un cambiamento drammatico che ha particolarmente colpito i team agili. La speranza è che questi cambiamenti non siano permanenti. Ma per ora, i team possono rafforzare la produttività adottando un approccio mirato a sostenere una cultura agile, ricalibrando i processi per supportare obiettivi agili mentre lavorano in remoto

 

Lascia un commento