Posted On 2 Giugno 2021 By In Supply Chain With 167 Views

Come ottimizzare la supply chain manifatturiera

Le fabbriche e le aziende hanno subito gravi ripercussioni dai blocchi e dalle difficoltà generate dalla pandemia e i problemi nelle catene di approvvigionamento globali, dalle materie prime ai prodotti finiti, non scompariranno presto. In questo scenario di:

CARENZA DI MATERIALI: c’è stata un’improvvisa e forte impennata della domanda di prodotti nelle categorie cibo, farmaci e di massa come generi alimentari, articoli da toeletta, medicinali e beni di prima necessità, e un crollo della domanda di altri prodotti come le forniture industriali

OPERAZIONI DI PRODUZIONE: mantenere le operazioni di fabbrica in funzione tra le restrizioni di movimento e di allontanamento sociale e l’implementazione di standard aggiuntivi di sicurezza e igiene per la forza lavoro è oggi una priorità chiave per i produttori

INDEBOLIMENTO DEI COLLEGAMENTI NELLA SUPPLY CHAIN: alcuni venditori e fornitori (in particolare Tier 2 e 3) potrebbero affrontare difficoltà operative o finanziarie proprie, creando colli di bottiglia per i grandi produttori

le organizzazioni devono concentrarsi sulla resilienza aziendale utilizzando soluzioni tecnologiche digitali in grado di scalare su richiesta, essere flessibili e adattabili. Ma come? Ecco allora che possiamo identificare 5 leve tramite cui le aziende possono allineare le proprie funzioni operative e procedere verso il futuro. Vediamo cosa ha pensato Zycus.

5 leve per ottimizzare la supply chain manifatturiera

Conoscere la propria spesa e classificarla

Le organizzazioni con bilanci più solidi saranno in una posizione migliore per distribuire denaro contante nei posti giusti e rimanere a galla. I produttori che hanno fornitori in regioni fortemente colpite dovrebbero capire quali categorie di spesa stanno acquistando da queste regioni. I rischi della catena di approvvigionamento sono pertinenti alla natura delle categorie, non al livello di spesa. Ecco perché è essenziale analizzare l’impatto e classificare la spesa a livello granulare.

Costruire una supply chain agile guidata dalla domanda

Abbandonare i metodi di pianificazione vecchi e non più in linea con il contesto attuale. Si può iniziare mappando la rete della catena di approvvigionamento e analizzando i colli di bottiglia  per poter procedere alla pianificazione di soluzioni alternative. In questo utile sarà anche l’intelligenza artificiale che può identificare le tendenze e le previsioni del post-covid grazie alla sua integrazione in strumenti che permettano di confrontare e valutare i fornitori in tutto il mondo e ottenere trasparenza e visibilità in tempo reale.

Semplificare la gestione dei fornitori

Il 13% dei produttori non dispone di informazioni di mercato pertinenti per valutare fonti di approvvigionamento alternative. Interagire con fornitori di livello 2/3 e creare una solida pipeline aiuta sicuramente a mitigare il rischio.

Inoltre, la tendenza della “localizzazione dei fornitori” sta guadagnando rapidamente terreno nel mondo post COVID poiché si prevede che le restrizioni sui viaggi e sui trasporti rimarranno più a lungo di quanto previsto in precedenza.

Migliorare i contratti

Per riprendersi dalla crisi COVID, l’approvvigionamento deve concentrarsi sulla gestione efficace dei contratti con i fornitori. Ciò garantirà che eventuali costi fissi o ricorrenti vengano risolti o almeno ridotti al minimo.

Massimizzare il ROI senza compromettere la qualità

I CFO devono avere una visione olistica della loro parte superiore per categorie di spesa come materie prime, macchinari di produzione, servizi di impianti / strutture, servizi di pubblica utilità e MRO.

Una volta identificati i processi di spesa elevata, coinvolgere i CPO e i leader della catena di fornitura. Ciò aiuterà a valutare in che modo queste funzioni possono ottimizzare le aree di spesa elevata. Sarà così possibile allineare il procurement con gli obiettivi di prestazioni aziendali sia inferiori che superiori.

Le organizzazioni d’ora in poi avranno bisogno di informazioni sulla catena di fornitura in tempo reale e di un ecosistema di partner di produttori, fornitori e altri stakeholder  per valutare gli scenari, collaborare, ottimizzare, correggere il corso e riutilizzare rapidamente la capacità di fornitura dove e quando necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.