Posted On 1 Settembre 2021 By In Supply Chain With 155 Views

Come rafforzare la supply chain globale dei semi-conduttori

Della crisi su chip e semi-conduttori ne abbiamo parlato qualche mese fa, quando la maggior parte degli impianti delle case automobilistiche avevano deciso di chiudere e dunque di rallentare la produzione. Da quel momento è passato un po’ di tempo ma la situazione non si è ancora ristabilita e i livelli pre pandemici rimarranno ancora per un po’ un miraggio. E la conferma arriva da una notizia di pochi giorni fa in cui TMSC ha commentato che nonostante  l’espansione della produzione e gli investimenti in una maggiore capacità, si prevede che l’elevata domanda del prodotto dell’azienda metterà alla prova la sua infrastruttura di produzione, almeno fino al 2022.

Un modello in crisi

La diffusa carenza di semiconduttori iniziata alla fine del 2020 ha evidenziato quanto questi componenti specializzati siano indispensabili nell’economia di oggi. La struttura globale della catena di fornitura dei semiconduttori, sviluppata negli ultimi tre decenni, ha consentito all’industria di risparmiare sui costi e migliorare le prestazioni, eppure, nuovi fattori possono mettere in crisi questo modello globale. Partiamo con il dire, come afferma Boston Consulting Group, che il settore dei semi conduttori  necessita di un profondo know-how tecnico e di scala, che si è tradotto in una catena specializzata in cui ogni regione svolge un ruolo diverso.  I livelli di investimenti in ricerca e sviluppo e in conto capitale sono elevate.

  • Stati Uniti –> ricerca e sviluppo, automazione della progettazione elettronica (EDA), proprietà intellettuale di base (IP), progettazione di chip e apparecchiature di produzione avanzate.
  • Asia orientale –>  fabbricazione di wafer e una forza lavoro qualificata.
  •  Cina è leader nel settore dell’assemblaggio, dell’imballaggio e dei test.

Tutti i paesi sono tra loro interdipendenti e tra loro vi è un continuo scambio di materiali, attrezzature, proprietà intellettuale e prodotti. Basti pensare che i semiconduttori sono il quarto prodotto più scambiato al mondo dopo il petrolio greggio, petrolio raffinato e automobili.

BCG è chiaro fin da subito. Un’alternativa ipotetica con catene di approvvigionamento locali parallele e completamente “autosufficienti” in ciascuna regione per soddisfare i suoi attuali livelli di consumo di semiconduttori avrebbe richiesto almeno circa $ 1 trilione di investimenti iniziali incrementali, con un aumento complessivo del 35-65% prezzi dei semiconduttori e, in definitiva, costi più elevati dei dispositivi elettronici per gli utenti finali.

Rischi per il futuro

Nei prossimi dieci anni, l’industria dovrà investire circa 3 trilioni di dollari solo in ricerca e sviluppo e spese in conto capitale a livello globale lungo tutta la catena del valore per soddisfare la crescente domanda di semiconduttori. La specializzazione geografica, inoltre, crea diverse vulnerabilità. Circa il 75% della capacità di produzione di semiconduttori, così come molti fornitori di materiali chiave, come wafer di silicio, fotoresist e altri prodotti chimici speciali, sono concentrati in Cina e nell’Asia orientale, una regione significativamente esposta a un’elevata attività sismica e a tensioni geopolitiche. Inoltre, tutta la capacità di produzione di semiconduttori più avanzata al mondo, in nodi inferiori a 10 nanometri, si trova attualmente in Corea del Sud (8%) e Taiwan (92%). Si tratta di singoli punti di guasto che potrebbero essere interrotti da disastri naturali, arresti delle infrastrutture o conflitti internazionali e potrebbero causare gravi interruzioni nella fornitura di chip.

Inoltre le tensioni geopolitiche possono comportare controlli sulle esportazioni che compromettono l’accesso a fornitori critici di tecnologia, strumenti e prodotti essenziali che sono raggruppati in determinati paesi.

La soluzione di BCG

La soluzione a queste sfide non  sono politiche industriali nazionali su larga scala. L’industria dei semiconduttori ha bisogno di politiche sfumate e mirate che rafforzino la resilienza della catena di approvvigionamento ed espandano il commercio aperto, bilanciando le esigenze della sicurezza nazionale.

Per affrontare il rischio di gravi interruzioni dell’approvvigionamento globale, i governi dovrebbero attuare:

  • costruzione di capacità produttive aggiuntive negli Stati Uniti
  • l’espansione dei siti di produzione e delle fonti di approvvigionamento per alcuni materiali critici

In un precedente rapporto, BCG ha scoperto che un programma di incentivi da 50 miliardi di dollari renderebbe gli Stati Uniti un luogo attraente per la produzione di semiconduttori. Ciò consentirebbe agli Stati Uniti di mantenere una capacità produttiva minima praticabile nei nodi principali per soddisfare la domanda interna di chip logici avanzati utilizzati nei sistemi di sicurezza nazionale, nell’aerospaziale e nelle infrastrutture critiche.

Nel definire politiche per promuovere la resilienza della catena di approvvigionamento, i governi devono garantire:

  • condizioni di parità a livello globale per le imprese nazionali ed estere
  • adottare misure per promuovere ulteriormente il commercio globale e la collaborazione internazionale in materia di R&S e standard tecnologici
  • affrontare la carenza di talenti che minaccia di limitare la capacità del settore di mantenere il proprio ritmo di innovazione

Tutto ciò garantirebbe all’industria di estendere la propria capacità di fornire i continui miglioramenti nelle prestazioni e nei costi dei semiconduttori che renderanno  AI, 5G, IoT e veicoli elettrici autonomi una realtà in questo decennio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.