Posted On 9 aprile 2018 By In Supply Chain With 159 Views

Koopman Logistics digitalizza la supply chain con Ibm

Il gruppo Koopman Logistics ha annunciato una strategia di digitalizzazione per fornire ai suoi clienti visibilità lungo tutta la supply chain.

Per farlo ha stretto una partnership con Ibm, con la quale svilupperà una soluzione basata sulla tecnologia blockchian. Nel corso del mese di aprile avverrà la prima consegna di veicoli, a Pon Logistics nei Paesi Bassi, con un processo completamente automatizzato. Koopman è uno dei primi fornitori nella supply chain del settore automotive a sfruttare le potenzialità di blockchain in un processo operativo reale. Questa soluzione digitale, sviluppata insieme al partner tecnologico Ibm, offrirà a Pon Logistics una visibilità end-to-end della supply chain (tracciabilità e rintracciabilità), ma anche un CMR (Convention des Marchandises par Route) completamente elettronico che eliminerà tutti i processi con documentazione cartacea.

Jon Kuiper, Ad di Koopman, ha dichiarato: «Offrendo ai nostri clienti una supply chain completamente digitale, li sosteniamo nell’affrontare i cambiamenti radicali che la nostra industria automobilistica sta affrontando. I costruttori di auto (OEM) e i proprietari di un parco macchine sono alla ricerca di risparmi a due cifre e di servizi logistici aggiuntivi. Usando la tecnologia blockchain possiamo offrire ai nostri clienti un ambiente che garantisce la sicurezza dei dati, i quali non possono essere cambiati né manipolati. Grazie a blockchain possiamo seguire il veicolo lungo tutto il corso della sua vita nella supply chain, creando valore aggiunto per i nostri clienti. Questi, infatti, possono accedere a informazioni in tempo reale sul veicolo: non solo la sua posizione, ma anche eventuali danni, le caratteristiche tecniche, gli aggiornamenti ecc. Questo permette ai clienti di riprogettare le proprie reti logistiche e di ottenere importanti riduzioni nei costi, ma aiuta anche, ad esempio, ad evitare truffe sul chilometraggio e sull’IVA, problemi molto sentiti nel commercio di auto usate».

Lascia un commento