Posted On 28 Febbraio 2019 By In Supply Chain With 105 Views

La gestione della proprietà intellettuale non si può basare sulla speranza

proprietà intellettuale copyright

Il rispetto delle informazioni riservate da parte di fornitori e subfornitori deve essere chiarito in sede di negoziazione

La protezione della proprietà intellettuale e dell’obbligo di riservatezza nella supply chain globale è un problema di rischio significativo, ma la maggior parte delle aziende sottostima questa minaccia. Così afferma Rich Weissman nel suo articolo su Supply Chain Dive. Le grandi aziende con una grande conoscenza legale tipicamente hanno delle policy per gestire la proprietà intellettuale interna e assicurare la protezione della proprietà intellettuale e gli accordi confidenziali con i fornitori primari critici. Ma queste aziende come proteggono attivamente la proprietà intellettuale lungo la supply chain estesa? Spesso sperando in bene.

Dopo aver condotto un seminario sui rischi nella supply chain, Weissman sostiene che le aziende incontrate in tale occasione avevano capacità sviluppate di tracciare e gestire i principali elementi di rischio, incluso il trattamento della proprietà intellettuale, ed erano abbastanza sicuri che i loro top supplier avessero sistemi di protezione della loro proprietà intellettuale. Ma passando ai fornitori del secondo e terzo tier, le cose non erano altrettanto sotto controllo: in una supply chain estesa e spesso opaca, era quasi impossibile tracciare la protezione della proprietà intellettuale da monte a valle.

Il lavoro di protezione della proprietà intellettuale e dell’obbligo di riservatezza inizia nella supply chain. I supply chain manager per prima cosa devono fare ordine a casa propria e istruire i propri dipendenti sull’importanza di proteggere la proprietà intellettuale. Troppi condividono le strategie finanziarie e di business dell’azienda, che magari non raggiungono il livello di una fuga di proprietà intellettuale ma potrebbero avere un valore per un competitor. Può nascere tutto da un’informazione lasciata sulla scrivania o sullo schermo. Ho avuto fornitori che si vantavano della loro abilità nel leggere al contrario, afferma Weissman.

D’altra parte, prosegue, i fornitori possono essere degli alleati nella lotta al furto di proprietà intellettuale. Tipicamente la performance dei fornitori viene misurata con una matrice che tiene conto di costi, consegna, servizio e altri criteri oggettivi e soggettivi. È importante aggiungere un criterio di misurazione circa l’obbligo di riservatezza e la tutela della proprietà intellettuale.

Mettete per iscritto le aspettative nei confronti dei fornitori. Richiedete loro una prova di come trattano la vostra proprietà intellettuale e di come a loro volta gestiscono l’obbligo di riservatezza con i loro fornitori. Rafforzate questi argomenti durante la revisione dei contratti e le negoziazioni. Formateli come è necessario e testateli come è appropriato.

Per i progetti di alto impatto, assumetevi la responsabilità dell’intera supply chain. Identificate ogni nodo critico con i fornitori e rafforzate, per iscritto e con le azioni, l’importanza di gestire l’obbligo di riservatezza e la proprietà intellettuale. Questo potrebbe essere l’unico modo per essere certi che le vostre fondamenta sono al sicuro. Assicuratevi di identificare anche i fornitori secondari chiave, come i service provider e le aziende di servizi logistici.

E fate attenzione alla persona nuova che arriva al lavoro e apre un link su un social permettendo libero accesso al vostro intero network.

Lascia un commento