Posted On 26 Maggio 2021 By In Supply Chain With 65 Views

La visibilità nella supply chain tra collaborazione e tecnologia

La necessità di una migliore resilienza è emersa come la principale lezione appresa dal 2020 e l’87% dei professionisti  prevede di investire in soluzioni e tecnologie nei prossimi due anni. Questo è il punto di partenza di un report realizzato da Supply chain dive e Tive. La tecnologia non manca in effetti, un esempio è l’Internet of Things che attraverso determinati device può tracciare i dati su varie reti, tra cui GPS, triangolazione cellulare e Wi-Fi. Posizione iperaccurata, monitoraggio delle vibrazioni e degli impatti, monitoraggio basato sull’ambiente di temperatura, umidità, esposizione alla luce e altri fattori, ma non solo. Tutti gli utenti coinvolti possono così avere così informazioni sulle condizioni dei carichi in tempo reale o quasi in tempo reale durante il trasporto. Questa è la realtà.

Il 2020 ha dimostrato come la visibilità end-to-end sia più essenziale che mai e uno studio di Gartner ha addirittura rivelato che solo il 21% degli spedizionieri ha affermato di disporre di una rete di supply chain altamente resiliente. Ma ad oggi con tutti i passi in avanti che siamo riusciti a fare con l’evoluzione della tecnologia, la possibilità di una visibilità del 100% è  più probabile di quanto non lo sia mai stata. Uno dei problemi che si pone però è la frammentazione esistente tra gli operatori della supply chain.

Con una visibilità completa a 360 gradi e condivisa tra i fornitori, i proprietari delle merci hanno accesso a più dati da una varietà di fonti. Alcune di queste fonti possono includere:

  • dati da cellulare o tracker wireless: temperatura, umidità, esposizione alla luce, impatto, manomissione e altro ancora. A seconda del tipo specifico di tracker, queste tecnologie consentono al proprietario del carico di verificare la sicurezza del carico durante il transito o immediatamente al momento della consegna.
  • dispositivi elettronici di logging / telematica dal camion: i dispositivi di registrazione elettronica, le dash cam e altri strumenti telematici di bordo della flotta offrono un’ampia gamma di utili dati di visibilità. La telematica della flotta offre aggiornamenti in tempo reale su posizione, condizioni dell’attrezzatura, incidenti, comportamento rischioso del conducente e numerose altre metriche.
  • informazioni da terminali e porti: l’integrazione dei dati in tempo reale da terminali e porti aiuta i proprietari di merci a sapere quando arrivano le spedizioni e quando possono essere ritirate.
  • dati sull’orario di arrivo stimato: grazie a intelligenza artificiale (AI) e machine learning (ML), alcuni fornitori di visibilità hanno acquisito la capacità di prevedere i tempi di arrivo con grande precisione. Incorporando i dati storici della rotta e del trasportatore con il monitoraggio in tempo reale, i fornitori di visibilità sono stati in grado di migliorare notevolmente l’accuratezza delle previsioni.

L’insieme di questi dati provenienti da più fornitori,  gli spedizionieri avranno piena visibilità sul loro carico mentre è in transito. Questa capacità consente loro di sviluppare agilità e resilienza nelle operazioni attraverso:

  • Pianificazione della fornitura. Capire quando arriveranno le spedizioni e avere informazioni in tempo reale per mitigare i rischi migliora notevolmente la capacità di un’azienda di evitare interruzioni della produzione.
  • Gestione delle eccezioni / interruzioni. Con una visibilità a 360 gradi sulle merci in movimento, gli spedizionieri ricevono avvisi in tempo reale sui problemi con le spedizioni critiche.
  • Benchmarking / controllo dello spedizioniere. Con dati storici e in tempo reale da più fornitori, il benchmark delle prestazioni  e la verifica di nuovi fornitori di trasporto in qualsiasi modalità o rotta diventano più facili che mai.
  • L’intelligenza artificiale e le tecnologie di apprendimento automatico sono valide solo quanto i dati a cui hanno accesso.
    Con l’accesso a un ampio pool di dati per analisi e riferimenti incrociati, l’efficacia delle tecnologie migliora in modo significativo.

Tecnologia per la logistica

Ne abbiamo già diffusamente parlato ma qui riassumiamo alcune delle tecnologie che si stanno inserendo nel mondo della logistica.

  • IoT

L’Internet of Things consente alle società di logistica, tra gli altri vantaggi, di monitorare le spedizioni in tempo reale. La stessa tecnologia consente ai consumatori di controllare quando il loro pacco ha lasciato il magazzino ed è stato consegnato alla porta, contribuendo a ridurre i furti.

Pensiamo di dover tracciare e monitorare 300.000 container refrigerati: i clienti con l’IoT possono sapere sempre dove si trovano le loro spedizioni e i parametri atmosferici possono essere regolati in modo che cibo e medicine siano in perfetta forma quando arrivano a destinazione.

  • Blockchain

La blockchain porta trasparenza all’intero processo logistico e consente l’uso di contratti intelligenti per automatizzare i processi commerciali.

In combinazione con l’IoT, la blockchain consentirà in futuro contratti logistici ancora più intelligenti. Ad esempio, al momento della consegna un pallet collegato sarà automaticamente in grado di trasmettere la conferma e l’ora di consegna, nonché lo stato della merce. Il sistema basato su blockchain può quindi verificare automaticamente se la merce è stata consegnata secondo le condizioni concordate (es. temperatura, umidità, inclinazione) e rilasciare il pagamento, aumentando notevolmente l’efficienza e l’integrità.

  • Automazione del magazzino e intelligenza artificiale

L’automazione del magazzino aumenta l’efficienza, la velocità e la produttività riducendo gli interventi umani. L’intelligenza artificiale può essere utilizzata per la pianificazione e la previsione del percorso, oltre a svolgere un ruolo chiave nella gestione del magazzino attraverso la previsione della rotazione delle forniture. Le società di logistica cercheranno di essere più “elastiche” grazie a un sistema di gestione dei trasporti (TMS). Se combinato con i progressi dell’IA, un TMS funge da sistema di allerta precoce per aiutare a prevedere rischi, costi e domanda per garantire la consegna “su richiesta” che i consumatori pretendono sempre di più. Inoltre, agire secondo una logistica elastica, aiuta a migliorare o ridurre le operazioni della catena di fornitura in base alla domanda del mercato.

  • Veicoli autonomi

I veicoli autonomi migliorano la sicurezza dei veicoli e consegnano le merci in modo sicuro eliminando gli errori umani. Inoltre, aumentano l’efficienza nella consegna del primo e dell’ultimo miglio poiché sono progettati per funzionare tutto il giorno e tutta la notte e migliorano l’efficienza del carburante.

  • Robotica

L’integrazione della robotica nella logistica aumenta la velocità e la precisione dei processi, riducendo l’errore umano. Ciò nonostante i robot non eseguono il lavoro degli esseri umani, ma piuttosto lavorano al loro fianco per aumentare l’efficienza. I robot fisici, come i robot collaborativi (“co-bot”) e i robot mobili autonomi (AMR), vengono utilizzati per prelevare e trasportare merci in magazzini e strutture di stoccaggio. Inoltre, i robot software eseguono attività ripetitive e banali che liberano tempo per i lavoratori umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.