Posted On 26 Ottobre 2022 By In News, Supply Chain With 103 Views

Logistica, vendita di veicoli in calo e ripresa incerta

Aspettando il Supply chain & Logistics congress – 22 novembre 2022


Con gli effetti combinati della mancanza di camion e di autisti, dei prezzi record del carburante, della carenza di materie prime, della guerra, di una pandemia e del ritorno dell’inflazione, il settore della logistica è stato al centro del ciclone e lo è tutt’ora.

I volumi di vendita e la recessione

Secondo l’ACEA, nel giugno 2022, le immatricolazioni di veicoli commerciali dell’Ue sono crollate del 22,5% rispetto a giugno 2021. I quattro mercati più grandi della regione hanno seguito questa tendenza negativa, con la Spagna (-25,8%), la Francia (-21,5%), la Germania (-17,1%) e l’Italia (-11,1%) che hanno registrato cali a due cifre quest’anno. Da un lato le tariffe di trasporto aumentano, dall’altro i vettori non sono in grado di aggiornare o espandere le loro flotte per soddisfare la domanda.

Il mercato è stato limitato soprattutto dal lato dell’offerta a causa della continua carenza di componenti e quindi di volumi di produzione limitati. La domanda, in questo periodo, potrebbe invece risentire nei prossimi mesi dell’inflazione e dalla quasi certa recessione in Europa prevista dallo European Economic Outlook del Fondo monetario internazionale (con Germania e Italia i cui Pil si attestano, secondo le proiezioni, su un -03% e -02%).

 

 

Inflazione e regole dei trasporti

Viviamo anche in un contesto di elevata inflazione: nel luglio 2022 l’Eurozona ha registrato un’inflazione dell’8,9% su base annua. Secondo l’European Road Freight Rate Benchmark, i prezzi hanno chiuso il secondo trimestre 2022 ai massimi storici in tutta Europa, dopo otto trimestri consecutivi di crescita: l’indice europeo delle tariffe di trasporto merci su strada ha infatti raggiunto 121 punti nel secondo trimestre del 2022, in aumento di 6,1 punti su base trimestrale e di 13,1 punti su base annua.

Il mercato spot sta contribuendo ai prezzi elevati, con il corridoio chiave Parigi-Madrid che ha visto un aumento dei tassi del 21,2% trimestre su trimestre – il doppio dell’aumento medio dei tassi spot europei. Anche i conducenti hanno sentito la crisi: alla fine del 2021 dei 427.105 camion di tutta Europa, oltre 13.000 conducenti – il numero più alto di sempre – sono stati trovati a violare la legislazione sui tempi di riposo, guidando i loro veicoli più a lungo di quanto legalmente consentito. Il regolamento, sotto forma del pacchetto mobilità I della Commissione europea, che richiede ai camion di tornare al loro paese di immatricolazione ogni otto settimane, esercita un’ulteriore pressione sulla situazione attuale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.