Posted On 11 Gennaio 2022 By In News, Supply Chain With 391 Views

Risk management: le priorità per il 2022

Per le organizzazioni di tutto il mondo, il rischio di approvvigionamento è diventato un argomento di discussione prioritario a livello di consiglio di amministrazione.

Le preoccupazioni legate al risk management derivano da molteplici fattori, basti pensare ai ritardi di spedizione o ai problemi di disponibilità dei prodotti di base che ostacolano i rivenditori nello stare al passo con la crescente domanda.

Ecco perché mitigare il rischio di approvvigionamento e soddisfare le elevate aspettative organizzative richiede un sistema di allarme rapido di portata mondiale.

Ecco i consigli di Procurious su come crearne uno:

 

1. Adotta una visione più ampia sui molteplici fattori di rischio

Individua i fattori che possono contribuire al rischio di approvvigionamento e ricerca le soluzioni per automatizzare la raccolta di queste informazioni in un’unica visione del rischio dei fornitori:

– solidità finanziaria: se il fornitore ha difficoltà finanziarie, rappresenta un rischio a lungo termine nel supporto delle tuo operazioni. Ciò può portare a livelli di qualità e di servizio inferiori alla media, all’incapacità di reinvestire nell’attività o alla mancanza di innovazione futura a vantaggio sia dell’acquirente che del fornitore.

– rischi operativi basati sulla posizione: le chiusure legate al COVID hanno messo in luce l’eccessiva dipendenza delle aziende da alcune regioni. Concentrazione geografica, tendenze ed eventi geopolitici, restrizioni e sanzioni stanno provocando un’espansione degli indicatori di rischio rilevanti per le valutazioni dei fornitori.

– rischi informatici: violazioni dei dati e attacchi ransomware rappresentano una seria sfida per le catene di approvvigionamento digitali. Le prestazioni ESG non sono solo un rischio reputazionale, ma essendo sempre più codificate in normative stringenti, la loro violazione comporta una significativa sanzione finanziaria per le organizzazioni.

 

2. Crea coerenza nella valutazione dei nuovi fornitori

Conduci una revisione approfondita di ogni singolo fornitore per tenere il passo con le richieste aziendali di nuove fonti di approvvigionamento.

In questo senso è necessario ampliare la sfera degli indicatori di rischio guardando alle vulnerabilità dei fornitori e al rischio per l’intera organizzazione.

L’accesso istantaneo ai punteggi di rischio multifattoriali su ciascun fornitore consentirà l’adozione di una revisione più coerente e approfondita senza aumentare il carico di lavoro sui singoli valutatori.

 

3. Approfondisci le relazioni con i subfornitori

Un recente rapporto del Business Continuity Institute ha indicato che il 40% delle interruzioni della catena di approvvigionamento legate al COVID-19 sono state ricondotte a fornitori di secondo livello, provocando la carenza di materiale, rallentamenti del lavoro e sfide logistiche.

Le complesse interdipendenze odierne tra i partner di fornitura richiedono una visione molto più ampia e approfondita dei partner commerciali.

Ecco perché nuove iniziative di mappatura della rete di fornitura devono prendere piede, così come le nuove tecnologie che identificano e mappano le relazioni globali acquirente-fornitore-partner.

 

4. Conduci un monitoraggio e una valutazione continua

Stiamo assistendo a uno spostamento verso un monitoraggio più continuo dei fattori di rischio dei fornitori per ottenere una visione in tempo reale di problemi e vulnerabilità.

Infatti, combinare una visione più ampia degli indicatori di rischio con una visione più approfondita sulla rete di fornitura estesa consente di ottenere un sistema di allerta precoce di potenziali interruzioni che offrono la possibilità di mitigare proattivamente tali rischi.

 

1 Responses

  1. L’analisi dei Fornitori e dei potenziali Fornitori diventa attività cruciale e strategica.
    Al di là delle competenze (non banali) necessarie, in molti casi il problema principale è legato alla disponibilità di risorse e di tempo per potersi occupare di queste attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.