Posted On 14 Settembre 2022 By In News, Supply Chain With 62 Views

Supply chain, le previsioni per il futuro dell’Eurozona

Le sfide della catena di approvvigionamento derivanti dalla pandemia di COVID-19 e dall’invasione russa dell’Ucraina potrebbero comportare una potenziale perdita cumulativa di 920 miliardi di euro sul prodotto interno lordo (PIL) in tutta l’Eurozona entro il 2023, secondo un rapporto di Accenture. La perdita potenziale equivale al 7,7% del PIL dell’Eurozona nel 2023.

Il futuro delle supply chain in Europa

Secondo il rapporto, dal titolo From Disruption to Reinvention – The future of supply chains in Europe, l’interruzione della catena di approvvigionamento correlata al COVID-19 è costata alle economie dell’Eurozona 112,7 miliardi di euro di PIL perso nel 2021. Prima della guerra, la mancanza di forniture di materiali, i guasti alla logistica e le pressioni inflazionistiche stavano già minando la ripresa economica in Europa.

L’invasione russa dell’Ucraina, ovviamente, ha aggravato la situazione e si prevede che anche la carenza di semiconduttori persisterà nel 2023 nonostante si stia registrando un certo miglioramento. Una guerra prolungata potrebbe portare a un’ulteriore perdita del PIL fino a 318 miliardi di euro nel 2022 e 602 miliardi di euro nel 2023, mentre l’inflazione potrebbe raggiungere il 7,8% nel 2022 prima di diminuire nel 2023. Mentre prima della guerra era prevista una sorta di normalizzazione della catena di approvvigionamento nella seconda metà del 2022, ora ci si aspetta che ciò non accadrà prima del 2023.

«Se vieni colpito da un’interruzione, puoi perdere fino alla metà dei tuoi profitti in un anno, a causa di una singola interruzione», ha affermato alla BBC Güven Demirel, docente di Supply Chain Management presso la Queen Mary University di Londra. «In precedenza, c’erano interruzioni isolate, piccoli rischi operativi. Ma ora, se pensiamo agli ultimi tre o quattro anni, abbiamo avuto una pandemia, abbiamo avuto la Brexit e ora c’è una guerra in Europa. Ciò sta colpendo molte aziende e catene di approvvigionamento».

Tre chiavi per reinventarsi

Il rapporto suggerisce che sia necessaria una reinvenzione delle catene di approvvigionamento per affrontare un cambio di paradigma: dal focus sull’ottimizzare i costi a quello verso più resilienza e agilità per rispondere alle crescenti incertezze. Si evidenziano a proposito tre aree chiave:

  • Resilienza: le catene di approvvigionamento devono essere in grado di assorbire, adattarsi e riprendersi dalle interruzioni ogni volta e ovunque si verifichino. Una migliore visibilità dinamica, identificazione del rischio e soluzioni di mitigazione consentiranno alle aziende di rispondere a cambiamenti improvvisi nella supply chain. La pianificazione degli scenari e le analisi dei rischi e delle opportunità li aiuteranno ad adattarsi all’evoluzione della domanda e dell’offerta. Modellazione e simulazione di rete, stress test, dimensionamento strategico del buffer e opzioni multi-sourcing consentiranno alle organizzazioni di gestire le incertezze.
  • Rilevanza: le catene di approvvigionamento dovranno essere incentrate sul cliente e agili in modo che possano adattarsi in modo rapido ed economico ai cambiamenti della domanda. Sarà fondamentale acquisire nuovi set di dati, inclusi dati in tempo reale, dall’interno e dall’esterno dell’organizzazione e lungo la catena del valore. L’automazione e l’intelligenza artificiale consentiranno alle organizzazioni di identificare rapidamente nuovi modelli di dati per migliorare il processo decisionale. Il passaggio da modelli di fornitura lineari centralizzati a reti decentralizzate che utilizzano la produzione on-demand e, in alcuni casi, avvicinando la produzione al punto vendita, può aiutare le organizzazioni a soddisfare meglio le aspettative dei clienti per l’evasione degli ordini.
  • Sostenibilità: le moderne catene di approvvigionamento devono supportare i programmi di sostenibilità delle organizzazioni. Per ottenere la fiducia delle parti interessate, le organizzazioni devono rendere trasparenti le proprie catene del valore. Sarà anche fondamentale il passaggio da processi lineari a processi circolari a circuito chiuso che riducano al minimo gli sprechi. Le aziende devono passare da un approccio just-in-time a un approccio just-in-case, diversificando le basi di approvvigionamento, pianificando rotte merci alternative, rendendo flessibili i centri di distribuzione e gestendo le scorte in inventario.

Il rapporto evidenzia inoltre due sfide più profonde e a lungo termine risultanti dalla pandemia e dalla guerra: la sicurezza energetica, poiché le economie europee devono affrontare la loro forte dipendenza dalle forniture di petrolio e gas accelerando al contempo il loro programma di net-zero; e disallineamenti di talenti, a causa dell’invecchiamento della popolazione, dell’evoluzione delle aspettative dei dipendenti e dei cambiamenti nella domanda di competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.