Posted On 15 novembre 2018 By In Supply Chain With 51 Views

Un ex buyer di Tesla è stato accusato di una frode da 9,3 milioni di dollari

dati-frode-finanziaria

Avrebbe dirottato i pagamenti destinati a un fornitore falsificando i documenti contabili

Una gran giuria federale della California ha iscritto nel registro degli indagati un ex buyer dell’azienda automobilistica Tesla. S.P., 32 anni, è stato accusato di frode, secondo quanto annunciato dai rappresentanti del Federal Bureau e dell’Fbi e riportato dal Dipartimento di giustizia del Distretto della California del Nord.

Durante il 2016 e il 2017, mentre lavorava nel Global supply management group di Tesla, era in carico di supervisionare i rapporti di Tesla con alcuni fornitori di diversi componenti e servizi destinati alle auto Tesla. Secondo quanto riportato, S.P. avrebbe usato la propria posizione per dirottare soldi destinati al fornitore Hota Industrial Manufacturing verso un altro fornitore, Schwabische Huttenwerke Automotive, per un totale di circa 9,3 milioni di dollari.

Secondo l’accusa, a gennaio 2017 S.P. ha appreso che Tesla aveva chiuso il proprio rapporto di fornitura con Schwabische Huttenwerke Automotive, che al tempo del termine del contratto aveva fornito all’azienda solo un numero limitato di campioni. Sembrerebbe che S.P. sapesse che questo significava l’interruzione di tutti i pagamenti al fornitore, eppure avrebbe reindirizzato a lui una serie di pagamenti destinati a Hota.

Per fare questo, avrebbe falsificato le fatture, creato documenti di contabilità fraudolenti come informazioni di account bancari e versamenti, e persino impersonato un impiegato di Hota prendendone l’identità per ingannare il dipartimento Contabilità di Tesla, scambiando le informazioni bancarie di Hota e Shw.

I capi d’accusa sono nove per frode bancaria, ognuno dei quali è punibile con una sentenza massima di 20 anni di detenzione e una multa da 250mila dollari, e uno per furto di identità aggravato, che è punibile con una sentenza massima di due anni di detenzione e una multa da 250mila dollari.

 

Lascia un commento