Posted On 25 marzo 2016 By In Sustainability With 663 Views

Sostenibilità & lusso

Il tema della sostenibilità sta ormai interessando diversi settori della vita di tutti i giorni. Il cittadino si sta rendendo conto sempre più dell’importanza della sostenibilità. Ad esempio secondo il rapporto True Luxury Global Consumer Insight 2015, stanno aumentando sempre più i consumatori del lusso che considerano la sostenibilità un valore fondamentale al momento della scelta dei loro acquisti.

La sostenibilità (ambientale e sociale) come valore sta riscontrando parecchio successo anche nel mercato del lusso poiché si affianca a parametri tipici del settore come la qualità, l’esclusività e l’artigianalità. Ad affermare tutto ciò, ecco l’ultimo rapporto del True Luxury Global Consumer Insight condotto con Boston Consulting Group e l’Altagamma Retail Evolution che fotografa le tendenze di un settore che in tutto il mondo non conosce crisi ed è in continua crescita. Secondo le ultime stime, nei prossimi sei anni i consumatori del lusso cresceranno di 80 milioni passando dai 400 milioni del 2015 ai 480 del 2022 per un valore di mercato che varrà 290 miliardi di euro in più rispetto ad oggi e sfonderà il tetto dei 1100 miliardi.
Per i consumatori del lusso quando si parla di sostenibilità le idee sono molto chiare. Il 17% del campione esaminato ritiene infatti che la sostenibilità sia un valore fondamentale con il 19% dei Millenials (la generazione di consumatori del lusso nata tra i primi anni ottanta e i primi anni duemila nel mondo occidentale) a caratterizzarne l’andamento. Ma cosa vuol dire per questi consumatori sostenibilità? Il 48% lo associa all’ambiente, il 44% al rispetto degli animali, il 29% alla tutela dei lavoratori e il 26% alle iniziative di carattere sociale.
A differenza dell’indagine svolta da BCG nel 2014, le persone che hanno dichiarato la sostenibilità fondamentale al momento della scelta dei loro acquisti sono cresciute del 4%. Tale valore sale al 9% se si considerano i dati raccolti nel 2013.
Questa maggiore coscienza sul tema spinge i consumatori ad essere poco disposti ad accettare iniziative di facciata, ricercando reali prospettive sulla possibilità di entrare nel circuito della sostenibilità.
Il mercato del lusso ha quindi l’obbligo di fare tesoro dei dati per meglio affrontare tutte le complessità di questo tema: la sostenibilità è un aspetto di non sempre facile identificazione, poiché coinvolge aspetti diversi tra loro come quello ambientale o della sicurezza dei prodotti.
Le imprese del lusso infine devono molto spesso affrontare l’annoso problema del controllo di tutta la filiera produttiva e dei fornitori esterni che a volte sono un vero e proprio problema per l’intero mercato soprattutto per quanto riguarda le certificazioni, visto che variano in base alla normativa presente in ciascun Paese.