Posted On 28 dicembre 2015 By In Technology With 566 Views

MUVI, i musei in tasca

Portarsi i musei in tasca oggi è possibile. Muvi è una piattaforma integrata che consente di condividere le informazioni di reti di musei e aree espositive. Le reti sfruttano MuviCloud un sistema di archiviazione on line di informazioni e cataloghi museali.

Tutto ciò si riduce, si fa per dire, a un’applicazione, la MuviApp che consente di accedere alle informazioni archiviate nel cloud. E qui si apre un mondo per gli utenti. Intanto, l’app funziona da mappa sia per percorsi esterni sia interni alla rete museale. Con il Gps è possibile vedere quali musei vi siano in zona e avere immediatamente schede informative sulla loro storia, contatti, immagini. All’interno del museo, invece, l’applicazione si trasforma in una vera e propria guida. Con l’aiuto di un lettore di QR Code, il visitatore inquadra con lo smartphone il Qr Code visualizzandone il contenuto che può essere scritto o audio nella propria lingua.
Sempre con questa app è possibile dialogare con MuviPlayer, il software di visualizzazione di modelli tridimensionali di Muvi, pensato per funzionare su qualsiasi totem interattivo. MuviPlayer, che interagisce con l’app tramite QR Code, consente di impiegare lo smartphone come un telecomando virtuale per far ruotare le rappresentazioni 3D delle opere custodite. Infine, sempre MuviPlayer è in grado di connettere più dispositivi fra loro presenti nel museo e di sincronizzarli in modo che, quando un oggetto viene selezionato, l’intero gruppo di persone possa visualizzare sul proprio smartphone la scheda.