Il 18 Ottobre 2018 segna un ulteriore traguardo verso la digitalizzazione del procurement pubblico, con l’entrata in vigore dell’obbligo di comunicazioni elettroniche tra stazioni appaltanti e imprese in tutta la fase di gara, come prescritto dall’art.40 Comma 2 del Codice dei Contratti Pubblici, in recepimento della normativa europea 2014/24.

Non tutte le Stazioni Appaltanti sembrano però essere pronte per mettere in atto quanto richiesto dalla normativa.

JAGGAER (nuovo nome commerciale di BravoSolution) mette a disposizione delle Stazioni Appaltanti una soluzione “standard”, comprensiva di tutti gli istituti di gara e pienamente rispettosa dei requisiti normativi, implementabile in poche settimane.

«La soluzione per mettersi in regola con quanto richiesto dalla normativa esiste, è ormai molto consolidata, di facile utilizzo e di rapidissima implementazione. Ciò significa che una stazione appaltante potrà svolgere la sua prima gara elettronica, in osservanza della scadenza del 18 ottobre, in meno di 6-8 settimane dall’inizio dell’implementazione della piattaforma JAGGAER», spiega Ezio Melzi, Managing Director di JAGGAER Italia.

In particolare la soluzione JAGGAER permette di:

  • svolgere tutte le tipologie di affidamento (sopra/sotto la soglia comunitaria per acquistare beni, servizi e lavori)
  • gestire il ciclo di vita del CIG e dello SmartCIG direttamente dalla piattaforma fino alla generazione del file XML L 190/2012 e gli altri adempimenti relativi all’Amministrazione Trasparente
  • rispettare i principi di riservatezza, sicurezza e par condicio richiesti dalla normativa di riferimento (Codice Appalti e GDPR) anche grazie alle certificazioni internazionali di cui è dotata.

Infografica

La soluzione nasce dalla profonda competenza di JAGGAER nello sviluppo di soluzioni tecnologiche conformi ai requisiti del Codice dei Contratti Pubblici, specifiche per il procurement del settore pubblico e regolamentato italiano ed internazionale.

Per chiedere maggiori in formazioni cliccare qui >>