Posted On 8 Aprile 2021 By In Sostenibilità With 242 Views

5 cambiamenti per semplificare la strategia di procurement

Ridurre i costi è forse la prima cosa a cui uno pensa quando si parla dell’ufficio acquisti, ma forse è un po’ riduttivo per descrivere questa professione. L’azione di riduzione dei costi è strettamente collegata anche alla relazione che il procurement intesse con i suoi fornitori. Ecco allora 5 metodi con cui l’ufficio acquisti può aiutare le aziende a competere nell’economia di oggi.

Coltivare relazioni con i fornitori

Una forte collaborazione può aiutare le aziende ad affrontare alcune sfide importanti, soprattutto quando si tratta di  trasparenza e visibilità e permette di ottenere informazioni più approfondite sulla catena di approvvigionamento. Questo può aiutare a prendere decisioni agili, mitigare i rischi e prepararsi per gli scenari peggiori.

Preparare delle domande per i fornitori

Gli acquisti devono preparare un elenco di domande prima di ricercare un potenziale fornitore per evitare di trovarsi in situazioni non previste. Per esempio può capitare che il fornitore in questione non informa a dovere l’acquirente su alcune spese che dovrà sostenere come il costo di trasporto della merce. Pertanto, sarebbe ottimale premunirsi in anticipo di una lista di domande specifiche da sottoporre al fornitore per non trovarsi con sorprese e avere un quadro completo dei termini del rapporto.

Avere una mentalità pro sostenibilità

La filosofia della sostenibilità può essere applicata anche al procurement. Questa pratica può aumentare in modo significativo sia il risparmio sia l’efficienza nell’utilizzo delle risorse. Può anche aiutare a bilanciare le normative sempre più complesse e le esigenze dei consumatori con cui le aziende devono confrontarsi oggi.

La sostenibilità in pratica: 

  • Applicare il simbolo del denaro a ogni iniziativa per far conoscere alle persone i risparmi coinvolti
  • Calcolare e comunicare i minori costi di acquisto nonché i costi di smaltimento evitati
  • Comunicare con i fornitori per ottenere informazioni su dove esistono opportunità per tagliare i costi
  • Monitoraggio dei risparmi per l’azienda e i suoi fornitori
  • Analisi approfondita dell’intero ciclo di vita del prodotto e della catena di fornitura associata

Ottimizzare la tecnologia

Alcune delle tecnologie digitali utilizzate oggi per le applicazioni di procurement includono l’Internet of Things, l’analisi dei big data, l’apprendimento automatico e il cloud computing. Le aziende possono così sperimentare una serie di vantaggi:

  • Comunicazione migliorata
  • Maggiore tempo per concentrarsi su fattori di valore
  • Informazioni fruibili in tempo reale

Tra i modi in cui le aziende ottimizzano la supply chain,  l’ERP permette gestione dell’inventario e degli ordini ma anche delle risorse umane e delle attività contabili sono più semplici. In questo modo tutte le funzioni vengono accorpate in un unico sistema e le attività interdipartimentali sono più facili da coordinare.

Guardare all’interno

Quando si tratta di risparmiare denaro, a volte il posto migliore per iniziare a guardare è proprio dentro all’azienda. Molte organizzazioni stanno o sono passate a una struttura centralizzata che punta a standardizzare i processi e promuovere l’efficienza. Questo passaggio non sempre porta ai risultati sperati e anzi, spesso, può portare a processi non allineati. Forse potrebbe aver senso iniziare a fare un po’ di ordine interno prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.