Posted On 15 Febbraio 2019 By In Sostenibilità With 58 Views

La Cina è il più grande produttore di energia pulita da carbone

energia-carbone

Secondo la Nea, più del 75% della sua capacità di generazione usa tecnologie a bassissime emissioni

La Cina è il più grande generatore di energia pulita da carbone al mondo e ha raggiunto gli obiettivi di conservazione energetica e di riduzione delle emissioni delineati nel 13o piano quinquennale del paese.

Secondo i dati della National Energy Administration (Nea), più del 75% della capacità nazionale di generazione di energia da carbone usa tecnologie a bassissime emissioni.

A gennaio, la Nea e la Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme hanno emesso delle linee guida sul consumo di energia pulita in Cina, con lo scopo di rendere più stringenti le normative ambientali e di aumentare l’efficienza produttiva entro il 2020.

La Cina è il più grande produttore di carbone al mondo, secondo il Japanese Institute of Energy Economics (Jiee). In un report sull’industria carbonifera cinese, ha affermato che circa la metà della sua produzione energetica a carbone viene utilizzata nel mercato nazionale. L’uso del carbone rappresenta un quarto di tutto l’inquinamento, afferma il report.

Gli impianti di produzione di energia a carbone pulita sono stati sviluppati attraverso una tecnologia che riduce o rimuove le emissioni inquinanti, come il diossido di zolfo, e aumenta l’efficienza complessiva della produzione energetica.

Alla fine del 2018 i generatori di energia a carbone a bassissime emissioni in Cina hanno raggiunto più di 750 milioni di kilowatt, con un aumento annuo del 12%, rappresentando il 38,3% della capacità di produzione totale, secondo la Nea.

La Nea ha affermato che nel corso del 2019 la Cina «continuerà a implementare la nuova strategia di sicurezza energeticaquattro rivoluzioni, una cooperazione”, focalizzandosi sulla fetta di consumo energetico composta dall’energia di origine non fossile, con l’obiettivo di portarla al 15% entro il 2020 e al 20% entro il 2030, per sostenere le rinnovabili come requisito fondamentale di uno sviluppo energetico di alta qualità».Secondo l’Agenzia energetica internazionale «la generazione ininterrotta di carbone deve diminuire del 5,6% ogni anno fino al 2030 per il raggiungimento dell’obiettivo Sustainable Development Scenario (Sds)».

Lascia un commento