Posted On 25 Luglio 2020 By In Supply Chain With 67 Views

6 azioni per ripensare e rimodellare la supply chain

Secondo un report di Accenture, le aziende dovrebbero cercare di riutilizzare le loro catene di approvvigionamento per aumentare la capacità di ripresa e la responsabilità. Come? Garantendo che i valori aziendali fondamentali guidino le decisioni della supply chain, rimodellandola totalmente per il futuro, in base alle esigenze dell’azienda, degli azionisti e della società. Per stimolare questo approccio, l’azienda di analisi ha elencato 6 priorità o azioni che i business dovrebbero applicare per costruire maggiore resilienza, centralità del cliente e crescita. 

Preservare la forza lavoro estesa

Promuovere la salute e il benessere dei lavoratori della catena di approvvigionamento, sostenendo la loro salute mentale, i loro bisogni emotivi e fisici e la loro sicurezza fisica.

Costruire una cultura del lavoro flessibile

Adattare i piani di continuità operativa per flessibilità nella disponibilità della forza lavoro, restrizioni sui viaggi e lavoro a distanza, ove possibile.

Distribuire strumenti per una collaborazione elastica

Agire con urgenza per implementare o ampliare strumenti di collaborazione che collegano clienti, partner e fornitori. Dove i dipendenti possono lavorare in remoto, utilizzare soluzioni basate su SaaS.

Utilizzare i dati e l’intelligenza applicata per segmentare le competenze in base alle capacità della catena di approvvigionamento, comprendere le esigenze di formazione e riallocare i lavoratori in aree ad alta domanda.

Garantire che la rete della catena di approvvigionamento sia sicura e in grado di supportare nuovi modi di lavorare

Connettersi regolarmente con fornitori / venditori. Utilizzare i periodi di inattività per identificare strategie e ordini futuri. Esplorare le opportunità di integrazione con la tecnologia supplier/ vendor

Riutilizzare le capacità

Le aziende possono svolgere un ruolo vitale nell’aiutare le società a gestire la crisi COVID-19 e ad uscire più forti dall’altra parte.

Scoprire cosa è necessario per nuovi prodotti e servizi

Garantire che i requisiti e la catena del valore di ogni nuovo prodotto siano ben compresi. Considerare funzionalità, processi di produzione, attrezzature e ambiente, competenze, approvvigionamento di materiali e componenti, logistica e impatti e rischi ambientali.

Ripensare la logistica

Collaborare in modo creativo

Utilizzare strumenti di collaborazione e sistemi di informazione condivisi. 

Migliorare la visibilità

Sfruttare le piattaforme di collaborazione con i fornitori per creare visibilità sullo stato degli ordini e ridurre i ritardi. 

Esplorare e innovare

Valutare la possibilità di sfruttare il potere d’acquisto degli acquisti per ottenere beni e servizi critici che possono essere donati.

Ripensare in ottica local

Le aziende possono aiutare le società sia direttamente, sostenendo i bisogni sanitari immediati, sia indirettamente, sostenendo le comunità locali, in particolare le più vulnerabili.

Rafforzare la sicurezza delle reti di approvvigionamento

Mobilitare un team di risposta

Stabilire punti di contatto interfunzionali e le relative regole operative per rispondere alle esigenze immediate di intervento interno ed esterno e continuità operativa.

Espandere il framework di rischio

Migliorare e automatizzare le metodologie, i protocolli e le tolleranze di rischio esistenti. Ripensare la definizione di “rischio critico” con particolare attenzione allo scopo aziendale e alla responsabilità sociale.

Rilevare e assegnare priorità ai rischi in modo continuo

Valutare l’interruzione della catena di approvvigionamento su prodotti, servizi e catene di approvvigionamento mediante analisi avanzate. Elencare i fornitori piccoli, medi e grandi da monitorare e supportare. Riposizionare la catena di approvvigionamento dall’essere un generatore di rischio a un motore di crescita centrato sul cliente.

Essere una forza per sempre

Rimanere fedeli agli impegni assunti verso le piccole e medie imprese (lavorare insieme su strutture di consegna e pagamento ottimali, fornire capacità flessibile e alimentare l’innovazione). Collaborare con gli enti governativi per continuare a investire nel successo condiviso degli ecosistemi locali.

Riconfigurare la rete

Rivedere i flussi di input e output, stabilendo nuovi protocolli con alternative globali / regionali / locali lungo l’intera catena di approvvigionamento. Costruire la resilienza fisica e digitale con il supporto di parti esterne. Comprendere l’impatto dei dipendenti e della comunità. Inizia a costruire una cultura più consapevole del rischio

Usare l’analisi, l’automazione e le piattaforma digitali per maggiori insight

Le attuali piattaforme digitali, le funzionalità di analisi e automazione consentono di ottenere rapidamente visibilità lungo la catena di approvvigionamento, determinare i clienti, le aree geografiche e i prodotti più colpiti, eseguire simulazioni di potenziali risoluzioni e fare piani d’azione “senza rimpianti”.

Dare la priorità a clienti, prodotti e / o aree geografiche

Gli eventi di interruzione del “cigno nero” provocano gravi squilibri della domanda e dell’offerta. Per garantire che prodotti e servizi siano disponibili per coloro che ne hanno maggiormente bisogno, utilizzare l’analisi per segmentare la catena di approvvigionamento in base alla domanda critica.

Simulare i requisiti di capacità produttiva per i prodotti ad alta richiesta esistenti, nonché passare le capacità di produzione a nuovi prodotti critici come disinfettante per le mani, ventilatori, dispositivi di protezione individuale e vaccini. Considerare come lo spazio di magazzino inutilizzato potrebbe essere utilizzato per conservare / mettere in scena le merci prodotte da altre aziende o come spazio di trabocco ospedaliero.

Garantire un’adeguata fornitura

 Eseguire simulazioni per prevedere quando e dove è probabile che si verifichino carenze di approvvigionamento, la capacità dei fornitori esistenti e se le alternative sono un’opzione (comprese le imprese locali o le PMI)

Riconfigurare le funzionalità dell’ultimo miglio

In caso di interruzione, i clienti possono spostare i canali o richiedere un metodo / luogo di consegna diverso. Eseguire simulazioni per testare la capacità di modificare i percorsi di consegna, aumentare il numero di conducenti o coinvolgere soggetti esterni o manodopera temporanea per colmare eventuali lacune

Analizzare il comportamento e il sentimento dei clienti attraverso i social media e altre fonti e prevedere i cambiamenti della domanda per area geografica / canale. 

Progettare per la resilienza

Non perdere di vista la necessità di investire in future riforme – per l’azienda, per gli azionisti e per la società.

Sbloccare i fondi in modo intelligente

 Ripristinare la base di costo per sbloccare denaro per le riforme in modo intelligente e sostenibile. Adottare una mentalità a base zero anziché uno di insostenibili tagli “generalizzati” a breve termine. Concentrarsi su semplici categorie discrezionali (ad es. viaggi, strutture, eventi e sponsorizzazioni) abbinati all’ottimizzazione del capitale circolante.

 Rivalutare i piani di investimento, identificando i progetti che dovrebbero essere annullati o rinviati per aumentare la liquidità, mantenendo quelli necessari per la crescita e il successo futuri. Determinare nuove priorità di investimento, come la tecnologia che consente a più dipendenti di lavorare in remoto

Massimizzare la produttività dei dipendenti

Dimostrare un impegno costante nei confronti di percorsi di carriera significativi per i dipendenti. Aumentare la dipendenza dall’automazione, dall’analisi avanzata e dall’intelligence applicata, trasferendo al contempo la nuova capacità trovata al recupero di crisi e alla generazione di valore netto.

Essere pragmatici

Con l’aumento dello stress e dell’ansia, nonché la necessità di rispondere continuamente alle richieste, sarà essenziale stabilire le priorità efficaci degli sforzi. 

 L’obiettivo generale è quello di rimodellare il futuro sviluppando maggiori responsabilità, agilità, reattività e resilienza lungo tutta la catena di approvvigionamento. In questo è importante riconoscere che le catene di approvvigionamento sono fondamentali per qualcosa di più della linea di fondo: sono le linee di vita essenziali su cui si basa l’umanità.

Lascia un commento