Posted On 11 Settembre 2020 By In Supply Chain With 65 Views

Supply chain manifatturiera: 5 azioni per la nuova normalità

supply-chain-manifatturiera

Il Covid ha interrotto diverse operazioni di produzione in tutto il mondo e ha modificato la domanda portando a una crescente richiesta di mascherine, gel igienizzante e prodotti domestici, a discapito di altri settori. In questo quadro molte realtà stanno reagendo sotto pressione senza gestire con efficienza le sfide che si trovano davanti. Nel processo, la maggior parte dei produttori potrebbe commettere un grave errore – quello di non analizzare le spese o monitorare i costi in tempo reale – che può portare a perdite di profitto.

Il documento stilato da Zycus indaga il motivo per cui i produttori dovrebbero concentrarsi sul procurement di nuova generazione, sulla tecnologia e sulle strategie della catena di approvvigionamento.

Durante la crisi del COVID-19, le principali sfide della catena di approvvigionamento per i produttori si giocano su tre dimensioni:

CARENZA DI MATERIALI: c’è stata un’improvvisa e forte impennata della domanda di prodotti nelle categorie cibo, farmaci e di massa come generi alimentari, articoli da toeletta, medicinali e beni di prima necessità, e un crollo della domanda di altri prodotti come le forniture industriali.

OPERAZIONI DI PRODUZIONE: mantenere le operazioni di fabbrica in funzione tra le restrizioni di movimento e di allontanamento sociale e l’implementazione di standard aggiuntivi di sicurezza e igiene per la forza lavoro è oggi una priorità chiave per i produttori.

INDEBOLIMENTO DEI COLLEGAMENTI NELLA SUPPLY CHAIN: alcuni venditori e fornitori (in particolare Tier 2 e 3) potrebbero affrontare difficoltà operative o finanziarie proprie, creando colli di bottiglia per i grandi produttori.

Adattarsi alla nuova normalità: 5 azioni per il futuro

Le organizzazioni devono concentrarsi sulla creazione di un’attività che sia a prova di futuro, utilizzando soluzioni tecnologiche digitali in grado di scalare su richiesta, essere flessibili, adattabili e resilienti. Ecco cinque punti che i produttori possono utilizzare per allineare varie funzioni operative e orientarsi verso il futuro:

1. Conoscere la spesa e stabilire le priorità

La maggior parte dei produttori vede dal 40% al 70% del proprio denaro quando i ricavi si dirigono verso fornitori e partner di terze parti. Un facile accesso alla liquidità può creare o distruggere il business poiché le organizzazioni con bilanci più solidi saranno in una posizione migliore per distribuire il denaro nei posti giusti e rimanere a galla. Si dovrebbe concentrarsi sulle categorie di spesa e non sul valore della spesa perché i rischi sono pertinenti alla natura delle categorie e non al livello di spesa.

2.Costruire una catena di fornitura agile guidata dalla domanda

Iniziare a mappare la rete della catena di approvvigionamento, analizzando i colli di bottiglia e pianificando in anticipo per prevedere i volumi di approvvigionamento quando la situazione si normalizzerà. Una proiezione lungimirante della domanda attraverso le categorie della supply chain sarà un aspetto chiave delle previsioni del panorama post-crisi. Una soluzione potrebbe essere quella di  adottare una pianificazione guidata dall’intelligenza artificiale basata su tendenze e previsioni lungimiranti, non dati storici retrospettivi.

3. Semplificare la gestione dei fornitori

I produttori devono collaborare in modo costruttivo con i fornitori, diversificare la base dei fornitori in base all’area geografica per garantire il backup in caso di guasto di una fonte di approvvigionamento e costruire relazioni affidabili con i fornitori per garantire la sicurezza della fornitura. La soluzione potrebbe essere quella di interagire con fornitori di livello 2/3 e creare una solida pipeline per mitigare il rischio ma anche abbracciare l’Agile Sourcing e prendere in considerazione opzioni di approvvigionamento alternative come l’approvvigionamento nella regione e l’approvvigionamento flessibile. Accelerare il processo di acquisizione di nuovi fornitori oltre i normali processi di approvazione, senza compromettere la conformità alle normative, sarà un imperativo chiave nel mondo post Coronavirus.

4. Gestire con efficacia i contratti

Il procurement deve concentrarsi sulla gestione efficace dei contratti con i fornitori per garantire che eventuali costi fissi o ricorrenti vengano risolti o almeno ridotti al minimo.

5. Massimizzare il ROI senza compromettere la qualità

Allineare le funzioni di finanza, supply chain e procurement per monitorare i risparmi:  i CFO di produzione devono avere una visione olistica delle loro principali categorie di spesa e coinvolgere  i CPO e i leader della catena di fornitura per valutare come queste funzioni possono aiutare a ottimizzare le aree di spesa elevata. Si potrebbe creare un piano di risparmio per ottimizzare la “spesa in gestione” per ogni P&L e unità aziendale.

 

RPA, IA e capitale umano per la supply chain post-coronavirus

In conclusione dello studio,  Zycus afferma che la gestione del rischio e la supply chain sarà moto diversa nell’era post coronavirus grazie all’introduzione di RPA e intelligenza artificiale. Le organizzazioni d’ora in poi avranno bisogno di informazioni sulla catena di fornitura in tempo reale e di un ecosistema di partner di produttori, fornitori e altri stakeholder  per valutare gli scenari, collaborare, ottimizzare, correggere il corso e riutilizzare rapidamente la capacità di fornitura dove e quando necessario. In questo contesto le due tecnologie saranno centrali per porre le basi per la resilienza aziendale post-pandemia. Ma non è tutto: anche le persone e le relazioni tra loro sono importanti. Le aziende dovrebbero concentrarsi anche su stabilire relazioni con i fornitori, creare una rete di supporto ai fornitori e riqualificare e istruire i talenti interni.

Lascia un commento